Video:Ecco come la Nasa catturerà gli asteroidi diretti verso la Terra

0

La Nasa sta stringendo il cerchio per identificare l’asteroide che dovra’ essere catturato nel 2019 da una sonda automatica. Una volta agganciato, la sonda lo trasportera’ in orbita intorno alla Luna dove, in seguito, verra’ esplorato dagli astronauti. Uno dei nove asteroidi sui quali al momento i tecnici americani hanno puntato gli occhi si chiama 2011MD ed ha un diametro di circa 6 metri.

E’ stato individuato lo scorso febbraio dal telescopio spaziale Spitzer utilizzando una camera ad infrarosso ed i dati delle osservazioni sono stati pubblicati sulla rivista Astrophysical Journal Letters. 2011MD e’ un agglomerato di rocce tenute insieme da una debole attrazione gravitazionale. La sua densita’ e’ particolarmente bassa, simile a quella dell’acqua e poiche’ le rocce hanno una densita’ tripla rispetto all’acqua, i ricercatori ne deducono che i due terzi dell’asteroide siano spazio vuoto. La missione per catturare il piccolo corpo celeste, chiamata Redirect Mission Asteroid (Arm), ha al momento due opzioni: la prima e’ quella di agganciare un intero asteroide, mentre la seconda e’ quella di staccarne un masso da uno molto piu’ grande.

L’obiettivo finale e’ comunque quello di portare intorno alla Luna un oggetto di meno di 10 metri di diametro. L’agenzia spaziale americana scegliera’ tra questi due concetti entro il 2015 per affinare ulteriormente il design della missione. La cattura di un asteroide, insieme all’esplorazione umana di Marte, sono due dei principali progetti sui quali la Nasa sta lavorando.

fonte

Leggi anche

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

error: