Tracce Aliene nelle piramidi cinesi?

0

Un gruppo di scienziati universitari sono rimasti a bocca aperta quando si sono trovati davanti una piramide appiattita (pare per consentire atterraggi) che a quanto pare non avrebbe alcun motivo di esistere. Un team di audaci ricercatori cinesi, scavando nei misteri antichi delle origini del loro paese, sono giunti allaconclusione che 12.000 anni fa un’ interstellare, suprema razza aliena ha utilizzato gran parte delle regioni settentrionali e centrali cinese come vere e proprie basi. Centinaia di piramidi degli antenati cinesi parlano di grandi navi provenienti dal cielo. La Cina è al centro di leggende, miti e storie di visitealiene e molte di loro vedono protagonista la piramide di Xianyang . Abitanti dei villaggi locali racconntano che i loro lontani antenati parlavano di grandi navi del cielo grande che navigavano ed utilizzavano la piramide come un punto di  atterraggio e di rifornimento. Mentre la squadra di esplorazione scientifica è d’accordo, tutte le indicazioni mostrano che gli alieni utilizzavano la struttura gigantesca come una delle  basi  primarie della Terra.
Il team ha scoperto numerosi antichi artefatti. A quanto pare gli scienziati avrebbero scoperto dei percorsi sotterranei: “La piramide ha tre grotte con aperture a forma di triangoli sulla facciata ed è riempito di tunnel  color rosso che portano in montagna e uno vicino un lago salato. Sopra le grotte ci sono decine di tunnel, tuttidi vari diametri, che misteriosamente attraversano la montagna sotto la piramide torreggiante. Tutti i tunnel hanno il colore delle rocce circostanti, un oscuro bruno-rossastro.

Gli artefatti e la piramide restano avvolti nel mistero. Dal momento che la piramide risale al 10.000 aC, o forse due volte tanto, nessuna civiltà coì evoluta esisteva all’epoca per costruire strutture simili.  Gli imperatori spesso parlavano di extraterrestri e civiltà su altri pianeti come la Terra. Alcuni degli imperatori hannoanche scritto che erano i discendenti “dei figli del cielo, che era sbarcato sulla Terra in draghi di ferro.“Ecco la traduzione di un passo  pietre Dropa di circa 12.000 anni fa :”I Dropas scesero dalle nuvole nei loro carri volanti.  Uomini, donne e bambini dei popoli vicini (Ham) si nascosero nelle grotte dieci volte prima dell’alba .Quando all fine hanno capito il linguaggio dei segni dei Dropas, si resero conto che i nuovi arrivati avevano intenzioni pacifiche … “[Tradotto dal linguaggio sulle pietre da colui che li decifrato con successo, il Dr. Tsum Um Nui.]”.

Le pietre Dropa sono state trovate da Chi Pu Tei che ha guidato una spedizione archeologica nel 1938. GLi esploratori inoltre hanno fatto un’entusiasmante scoperta: sulle pareti delle antiche caverne nelle motagne sono raffigurati disegni del sistema solare, e sono presenti varie linee che si intersecano in punti. Queste “mappe” a detta degli scienziati sembrano essere tipo delle rotte commerciali. Ma l’eccitazione della squadra era appena all’inizio. In una delle grotte con i murales dei cieli hanno trovato un disco di pietra mezzo sepolto nel fango. Il disco aveva un solco sottile a spirale sapientemente tagliato che va dal centro verso il bordo.Il disco  misura circa nove pollici di diametro e circa tre quarti di pollice di spessore. Al centro aveva un buco perfetto di tre quarti di pollice di diametro. Una volta trovato il disco, Tei ha voluto approfondire la questione con la sua squadra di ricercatori. Alla fine hanno scovato un vero e proprio tesoro. Sono stati trovati un totale di 716 dischi , alcuni in ottime condizioni, altri incrinati o rotti in mille pezzi. Inoltre c’erano strani simboli sconosciuti raffigurati nelle caverne.

Ma la cosa incredibile è stato decifrare cosa c’era scritto sui dischi Dropa. Se ne è occupato Nui. I simboli erano talmente piccoli da dover essere letti con una lente di ingrandimento. A qaunto pare raccontano di un antico popolo, i Dropa, appunto, e del loro viaggio sulla Terra, di come la loro astronave si sia schiantata sul nostro pianeta, un mondo a loro sconosciuto. La loro navicella spaziale si trovava in quello che più tardi divenne noto come la montagna Baian-Kara-Ulache fa parte della catena dell‘Himalaya.Il Los Angeles Herald-Examiner ha pubblicato “Riddle of Asian Stone Discs from Outer Space” il 26 febbraio 1967. L’articolo si focalizzava su alcuni ricercatori russi che avevano attentamente studiato alcune delle pietre Dropa. “I russi“, ha scritto l’Herald-Examiner “, che hanno esaminato alcuni dei dischi in un laboratorio di Mosca, sostengono di aver realizzato due importanti scoperte Uno è che i dischi contengono alcune tracce di metallo, soprattuttocobalto. “Il russo Zaitsev, che ha trascorso 30 anni per la raccolta delle prove che gli esseri intelligenti provenienti dallo spazio hanno avuto contatto con la Terra, ritiene che i dischi possono dare sostanza alle antiche leggende cinesi di piccoli uomini scarni, dalla faccia gialla che scendevano dalle nuvole molti  secoli fa “.

Guardate attentamente la scritta sopra il “disco”. La colonna di destra non è giapponese, è un represenation dei simboli che un commerciante commerciante vide sul disco e descritto all’artista che poi l’ha aggiunta alla pergamena per la precisione.

fonte

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

error: