mercoledì, Febbraio 21, 2024
HomealieniSecondo i fisici, gli alieni potrebbero usare i buchi neri come computer...

Secondo i fisici, gli alieni potrebbero usare i buchi neri come computer quantistici

Gli alieni potrebbero usare i buchi neri come computer quantistici

Per decenni, gli scienziati hanno scrutato i cieli e teorizzato infinite ragioni per cui non siamo riusciti a captare nessun messaggio alieno. Secondo una nuova teoria, il problema sta che stiamo solo osservando i segnali tecnologici sbagliati.

Durante la costante ricerca al fine di trovare indizi di vita intelligente nell’universo, un gruppo di ricercatori ha proposto che per trovare civiltà extraterrestri avanzate è necessario pensare come loro, e per questo motivo sospettano che potrebbero prendere in considerazione l’utilizzo di buchi neri creati artificialmente come computer quantistici.

La ricerca tradizionale di segni di vita, effettuata da organizzazioni come il SETI, si concentra sulla rilevazione di radiazioni elettromagnetiche (ad esempio raggi gamma o onde radio), come il famoso “segnale Wow“, rilevato da un radiotelescopio.

Tuttavia, i fisici Gia Dvali dell’Istituto Max Planck e Zaza Osmanov della Libera Università di Tbilisi ritengono che valga la pena considerare la possibilità che civiltà avanzate utilizzino i buchi neri come computer quantistici, secondo un articolo pubblicato sul Journal of Astrobiology.

gli alieni potrebbero usare i buchi neri come computer quantistici

Se fosse corretta, tale ipotesi non solo risolverebbe il paradosso di Fermi – il quale si interroga sul perché non abbiamo ancora trovato vita altrove nell’universo – ma avrebbe anche senso dal punto di vista computazionale, offrendo una spiegazione per l’apparente mancanza dei fenomeni di attività che vediamo quando osserviamo il cosmo.

Una nuova ipotesi per la ricerca di vita extraterrestre

Tuttavia, l’idea rimane, almeno per il momento, un’ipotesi fantasiosa, anche se aggiunge un ulteriore elemento alle possibilità nella ricerca di vita intelligente.

“Attualmente, siamo principalmente alla ricerca di messaggi radio e ci sono stati diversi tentativi di sondare il cielo per i cosiddetti candidati alle sfere di Dyson, megastrutture costruite intorno alle stelle”, spiegano i fisici a Universe Today. “D’altra parte, il problema è così complesso che bisognerebbe provare tutti i canali possibili”.

Un intero ‘spettro’ di tecnosegnali potrebbe essere molto più ampio: per esempio, emissioni infrarosse o ottiche da megastrutture costruite anche intorno a pulsar, nane bianche e buchi neri”. Una ‘direzione’ completamente nuova dovrebbe essere la ricerca di una variabilità spettrale anomala di queste tecnosegnalazioni, che potrebbe distinguerle dai normali oggetti astrofisici”, hanno aggiunto.

Gli extraterrestri di tipo III userebbero tale tecnologia su larga scala

In particolare, Dvali e Osmanov ritengono che, considerando i vantaggi dell’informatica quantistica – tra cui la capacità di elaborare le informazioni in modo esponenzialmente più veloce rispetto all’informatica digitale e di essere immune alla decrittazione – gli extraterrestri sufficientemente avanzati – come ad esempio una civiltà di tipo III – sfrutterebbe tale tecnologia su larga scala.

“Non importa quanto sono diverse la composizione delle particelle e la chimica rispetto alla nostra, siamo unificati dalle leggi della fisica quantistica e della gravità. Tali leggi ci dicono che i depositi più efficienti di informazioni quantistiche sono i buchi neri”, hanno dichiarato Dvali e Osmanov a Universe Today.

Sebbene i nostri recenti studi dimostrino che, teoricamente, potrebbero esistere dispositivi creati da interazioni non gravitazionali che saturano la capacità di immagazzinare informazioni (i cosiddetti “saturoni”), i buchi neri sono i chiari campioni. Di conseguenza, qualsiasi extraterrestre sufficientemente avanzato dovrebbe usarli per immagazzinare ed elaborare informazioni”, hanno aggiunto.

L’idea si basa su un concetto sviluppato dall’astrofisico Roger Penrose, che negli anni ’80 suggerì che i buchi neri potrebbero essere una fonte di energia virtualmente illimitata. Secondo i ricercatori, quindi, piccoli buchi neri creati artificialmente potrebbero fungere da condensatori di informazioni quantistiche.

Individuare le tecno-segnalazioni emanate dai computer quantistici

Meglio ancora, i ricercatori propongono che l’IceCube Neutrino Observatory, situato in Antartide, sia in grado di rilevare i tecnofirmi emanati da questi computer quantistici altamente energetici dei buchi neri, grazie allo speciale tipo di radiazione che essi rilascerebbero, sostanzialmente costituita da neutrini e fotoni.

“Finora abbiamo completamente trascurato una direzione naturale per il SETI sotto forma di neutrini ad alta energia e altre particelle prodotte dalla radiazione di Hawking dei buchi neri artificiali”, hanno dichiarato gli autori a Universe Today.

“Questo è solo un potenziale esempio di una nuova direzione molto eccitante per il SETI”, hanno aggiunto.

In breve, si tratta di una nuova teoria allettante: siamo stati sintonizzati sul canale sbagliato? Una nuova ricerca di radiazioni emesse da buchi neri artificiali potrebbe portarci alla soluzione del paradosso di Fermi?

Qualunque cosa accada, si è tentati di pensare che questa sarà la chiave per trovare finalmente vita intelligente oltre il nostro pianeta. Tuttavia, finché non ci sarà una vera conferma, o almeno una piccola prova che stravolga la nostra idea di universo, r il paradosso di Fermi .

a cura di Universo7p

Loading...
universo7p
universo7phttps://www.universo7p.it/
Universo7p News su Misteri, mistero ufo, Anunnaki nibiru elohim, notizie Alieni e ufonews Misteri Ufologici Spazio, notizie sulla Scienza.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

News