Scoperto un pianeta con quattro soli

0

Le osservazioni effettuate con i telescopi Keck hanno confermato quello che avevano scoperto due astronomi amatoriali, ovvero un pianeta che orbita intorno a quattro soli. L’importante scoperta è stata inizialmente compiuta utilizzando il sito web Planethunters.org, ma poi le prove di validazione sono state condotte insieme ad un team di astronomi del Regno Unito e degli Stati Uniti. Questo  pianeta, chiamato PH1, si trova a circa 5.000 anni luce dalla Terra.  Il Keck Observatory è un osservatorio astronomico costituito dai due telescopi riflettori gemelli Keck situato a 4145 metri di altezza sulla sommità del vulcano Mauna Kea, nelle isole Hawaii.Grazie alle migliaia di chilometri di oceano e all’altezza di oltre 4000 metri che riduce l’atmosfera e le distorsioni da essa indotte, questo sito è un luogo ideale per le osservazioni astronomiche. Inoltre l’inquinamento luminoso è molto basso, poiché le zone circostanti sono relativamente poco abitate. Lo specchio primario di ciascuno dei due telescopi ha un diametro di circa 10 metri, il che fa di essi i secondi telescopi ottici più grandi al mondo, dopo il Gran Telescopio Canarias. I due strumenti operano in modalità singola ma anche insieme, formando un interferometro lungo 85 metri.

I due cittadini normali che si sono trasformati in “scienziati” sono  Robert Gagliano e Kian Jek, entrambi americani, il primo di Cottonwood(Arizona), il secondo di San Francisco. Il pianeta è un po’ più grande di Nettuno, con un raggio di circa sei volte superiore a quella della Terra.  I ricercatori hanno presentato la scoperta in occasione della riunione annuale della Divisione di Scienze Planetarie dell’ American Astronomical Society a Reno, Nevada. Questo sistema planetario è costituito dal pianeta che orbita attorno a due soli, con altre due stelle che ruotano intorno ad essi. Il progetto che ha permesso di giungere a questa importante scoperta scientifica è frutto di una cooperazione tra scienziato e cittadino, dove a volte riesce a vincere anche la curiosità di una singola persona, se aiutata dalla tecnologia adeguata.  “Planet Hunters” infatti  è nato con l’intenzione di mettere a disposizione degli astronomi dilettanti le immagini  di alcune missioni Nasa, proprio per stimolarli a scoprire nuovi pianeti.

fonte

Leggi anche

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

This website uses cookies to improve your experience. We'll assume you're ok with this, but you can opt-out if you wish. Accept

error: