venerdì, Maggio 29, 2020
Home Spazio Scoperto Farout: Un nuovo Pianeta nel nostro sistema solare

Scoperto Farout: Un nuovo Pianeta nel nostro sistema solare

Il Sistema Solare ha un nuovo pianeta, Farout

Un team di astronomi ha scoperto l’oggetto più distante mai osservato nel Sistema Solare. 2018 VG18, soprannominato Farout, è il primo oggetto individuato ad una distanza superiore a 100 volte quella tra la Terra e il Sole. Corpi celesti così straordinariamente remoti ci permettono di sondare ciò che avviene nelle periferie più estreme del nostro sistema.

 Farout  è l’oggetto più distante mai osservato nel nostro Sistema Solare. Si tratta di 2018 VG18, in gergo ”Farout”, un piccolo corpo celeste distante ben tre miliardi e mezzo di chilometri da Plutone e 18 dalla nostra posizione.

La distanza che separa il Sole a questo mondo sperduto nello spazio è pari a cento volte lo spazio che c’è tra il nostro pianeta e la nostra stella. Scoperto da un team di esperti della Scott Shepard del Carnegie Institution for Science, 2018 VG18 è stato avvistato dal telescopio giapponese Subaru alle Hawaii.

- Advertisement -

 L’oggetto ha caratteristiche ancora del tutto ignote, oltre a tanti aspetti unici.

L’orbita, ad esempio, è notevolmente allungata, al pari degli altri oggetti transnettuniani; una caratteristica che ha spinto numerosi esperti di tutto il mondo ad ipotizzare la presenza di un nono grande pianeta nell’area più esterna del Sistema Solare.

Scoperto Farout: Un nuovo Pianeta nel nostro sistema solare
Scoperto Farout: Un nuovo Pianeta nel nostro sistema solare

Il diametro di Farout è di circa 500 km, impiega un millennio a completare un’orbita intorno al Sole ed ha una caratteristica colorazione rosataprovocata dalla reazione del gas metano ghiacciato ai raggi cosmici al quale è costantemente esposto, per la mancanza della protezione del Sole (anche Plutone, Sedna, Makemake e 2007 OR10 hanno caratteristiche tonalità rosate per lo stesso motivo).

“Dal momento che 2018 VG18 è così distante, orbita molto lentamente, impiegando migliaia di anni per fare un giro attorno al Sole”. Le immagini di 2018 VG18 sono state riprese utilizzando il telescopio Subaru, localizzato sul Mauna Kea alle Hawaii il 10 Novembre 2018.

Una volta individuato il remoto oggetto, è stato necessario osservarlo nuovamente per confermare la sua natura. 2018 VG18 è stato visto per la seconda volta ai primi di Dicembre con il telescopio Magellano all’Osservatorio di Las Campanas in Cile.

La scoperta conferma, ancora una volta, come l’area esterna del Sistema Solare rappresenti un angolo dello spazio ancora poco conosciuto e ricco di sorprese.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Ultimi articoli

Scoperto un Antico Mosaico Romano sotto le vigne di verona

Riportato alla luce un Antico Mosaico Romano - Un tesoro archeologico immenso Un mosaico romano in perfette condizioni è...

L’astronauta Parmitano: sapevamo del Coronavirus già da novembre,poi..

L'astronauta Parmitano conosceva la situazione del Coronavirus da Novembre? Secondo un miscuglio di dichiarazioni il Coronavirus era già ben...

Russia: scoperta una presunta Piramide simile alla Grande Piramide d’Egitto

Un gruppo di turisti appassionati di spedizioni nel nord della Russia hanno presumibilmente scoperto un'enorme montagna con la forma esatta della...

La Cina punta Marte e i suoi misteri con una missione a luglio

La Cina verso Marte con una sonda che ha il compito di esplorare i Misteri di Marte Marte rimane un...

Enochiano: Il misterioso linguaggio perduto degli angeli

Il linguaggio perduto degli angeli chiamato ENOCHIANO Da secoli gli esseri umani hanno avuto diverse lingue parlate e scritte,...

Scoperte Misteriose stanze sotto al Muro del Pianto

Una sensazionale e misteriosa scoperta sotto il Muro del pianto di Gerusalemme Un gruppo di ricercatori che hanno effettuato degli...

Registrate Anomalie nel campo magnetico terrestre

Secondo gli scienziati il campo magnetico terrestre sta cambiando di intensità Le anomalie del campo magnetico terrestre rilevate dagli...
error: