Scoperte Misteriose Forme di vita sotto il ghiaccio antartico

0

Misteriose Forme di vita sotto il ghiaccio antartico

Un gruppo di ricercatori internazionali hanno scoperto misteriose forme di vita presenti sotto lo spesso ghiaccio antartico durante un carotaggio del ghiacciaio Filchner Ronne.

Dopo aver perforato 900 metri della piattaforma di ghiacciaio per arrivare al fondale oceanico gli scienziati sono rimasti stupiti nel trovare una roccia ricoperta da strane creature simili a spugne ma di specie non nota.

“Questa scoperta è uno di quei fortunati incidenti che mostra quanto la vita sia incredibile e capace di adattarsi ovunque”, ha affermato il dottor Huw Griffiths del British Antarctic Survey.

Le piattaforme di ghiaccio dell’Antartide sono come delle zattere galleggianti permanenti collegate alla massa principale e possono essere piuttosto enormi. In totale, costituiscono più di 1,5 milioni di chilometri quadrati, circa un terzo della piattaforma continentale antartica.

Lo scienziato ha anche osservato come tale scoperta ora sollevi tutta una serie di domande:

  • Come possano questi organismi sopravvivere sotto una tale coltre di ghiaccio?
  • Di cosa si nutrono?
  • Da quanto tempo sono lì?
  • Quanto sono comuni questi massi ricoperti di vita in queste condizioni estreme?

Sappiamo che c’è vita sotto il ghiaccio, solitamente sotto forma di piccole creature come pesci, meduse, vermi e crostacei. Gli animali acquatici che si nutrono di filtri come le spugne erano molto inaspettati qui, così lontano dalle regioni in cui è possibile la fotosintesi.

Misteriose Forme di vita sotto il ghiaccio antartico
Misteriose Forme di vita sotto il ghiaccio antartico

Come sappiamo esistono organismi che riescono a raccogliere sostanze nutritive dalle fusioni glaciali o sostanze chimiche dalle infiltrazioni di metano, ma nel caso di queste strane creature ci troviamo a oltre 1.500 km a monte della più vicina fonte di fotosintesi, calcolano gli scienziati, che non possono fare a meno di chiedersi come sia possibile la vita in tali condizioni.

chemiosintesi

Gran parte della vita presente sulla Terra dipende dal Sole per la sua sopravvivenza. La fotosintesi è alla base della catena alimentare, con organismi come piante e alghe che usano la luce solare per produrre zuccheri e altri organismi in grado di nutrirsi

Ma nelle profondità oscure dove la luce del sole non riesce ad arrivare, alcune forme di vita usano una strategia diversa. Attorno alle bocche termiche dell’oceano che espellono il calore e le sostanze chimiche vulcaniche, i batteri si affidano alla chemiosintesi per produrre zuccheri, che costituiscono la base di una catena alimentare simile. In una grotta in Romania è stato scoperto anche un ecosistema chemiosintetico .

“Per rispondere alle nostre domande dovremmo trovare un modo per avvicinarci a questi esseri e al loro ambiente”, ha concluso Griffiths, “Ciò significa che come scienziati polari, dovremmo trovare modi nuovi e innovativi per studiarli e rispondere a tutte le nuove domande che abbiamo”.

Loading...
CopyAMP code
Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

error: