SCOPERTA UNA NUOVA SUPER-TERRA NELLA ZONA ABITABILE

0

Scoperta una nuova super terra Grazie ai dati del telescopio spaziale Kepler della NASA

Gli esopianeti abitabili nel 2020 aumentano, infatti i dati del telescopio spaziale Kepler della NASA hanno scoperto due nuovi pianeti nel sistema planetario Kepler-160. Uno dei quali è un mondo delle dimensioni di una super-Terra nella zona abitabile della stella ospitante.

Kepler-160 è una stella simile al Sole situata a 3,141 anni luce di distanza nella costellazione della Lira. Conosciuta anche come KOI-456 e KIC 7269974, la stella è 1,12 volte più grande del nostro Sole ed è solo l’1% più luminosa.

Nel 2010 gli astronomi hanno rilevato due massicci pianeti col metodo del transito, Kepler-160b e c, in orbite molto ravvicinate intorno alla stella.

Kepler-160b ha un raggio di 1,7 volte quello della Terra e si trova in un’orbita di 4,3 giorni, mentre Kepler-160c, con un raggio di circa 3,1 raggi terrestri, orbita intorno alla stella con un periodo di 13,7 giorni.

“Le loro temperature superficiali le renderebbero certamente più calde di un forno e tutto tranne che ospitali per la vita come la conosciamo”, hanno detto l’astronomo René Heller e i suoi colleghi dell’Istituto Max Planck per la ricerca sui sistemi solari.

“Ma piccole variazioni nel periodo orbitale del pianeta Kepler-160c hanno dato agli scienziati la firma di un terzo pianeta che doveva ancora essere confermato”.

Nel nuovo studio, il Dr. Heller e i co-autori hanno analizzato i dati di archivio del telescopio spaziale Kepler.

“La nostra analisi suggerisce che Kepler-160 è orbitato non da due ma da un totale di quattro pianeti”, ha detto il dottor Heller.

“Uno dei due pianeti che abbiamo trovato è Kepler-160d, il pianeta precedentemente sospettato responsabile dell’orbita distorta di Kepler-160c”.

Kepler-160d è un pianeta non transitante con una massa superiore a quella terrestre e un periodo orbitale tra i 5 e i 50 giorni circa.

Il quarto pianeta del sistema, Kepler-160e (designato anche KOI-456.04), è probabilmente un pianeta in transito con un raggio di 1,9 volte quello della Terra e un periodo orbitale di 378 giorni.

“Data la sua stella ospite simile al Sole, il periodo orbitale molto simile a quello della Terra determina un’insolazione molto simile alla Terra dalla stella – sia in termini di quantità di luce ricevuta che in termini di colore della luce”, ha detto il Dr. Heller.

“Tutto sommato, Kepler-160e si trova in una regione della zona abitabile che è paragonabile alla posizione della Terra intorno al Sole”.

“Kepler-160e è relativamente grande rispetto a molti altri pianeti considerati potenzialmente abitabili”, ha detto.

“Ma è la combinazione di questo pianeta meno grande del doppio del pianeta Terra e della sua stella ospite di tipo solare che lo rendono così speciale e familiare”.

“Se Kepler-160e ha un’atmosfera per lo più inerte con un lieve effetto serra simile a quello della Terra, la sua temperatura superficiale sarebbe in media di 5 gradi Celsius, che è circa 10 gradi più bassa della temperatura globale media della Terra”.

La scoperta è descritta in un articolo pubblicato sulla rivista Astronomy & Astrophysics.

Loading...
CopyAMP code

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

error: