Scienziati sostengono di aver trovato un portale per la quinta dimensione

0

Gli scienziati pensano di aver scoperto una possibile finestra per la quinta dimensione

Una nuova scoperta fatta da scienziati tedeschi sembra svelare i misteri avvolti nella materia oscura, grazie ad una nuova ipotesi di cui va ben oltre il Modello Standard della fisica delle particelle. Stiamo parlando dell’esistenza di una quinta dimensione extra nello spaziotempo.

I fisici del PRISMA in collaborazione all’Università Johannes Gutenberg di Mainz sembrano essere ad un passo a risolvere il mistero della materia oscura grazie alla nuova teoria basata sull’esistenza di una quinta dimensione.

Lo studio pubblicato sull’European Physical Journal C spiega come i ricercatori hanno scoperto che la particella proposta avrebbe necessariamente mediato una nuova forza tra le particelle elementari conosciute ( universo visibile) e la misteriosa materia oscura (ovvero l’universo invisibile).

Il portale per la quinta dimensione

La nuova particella, un tipo di fermione ancora da scoprire, potrebbe attraversare questa nuova dimensione e legare la materia oscura alla materia visibile che costituisce tutto ciò che possiamo vedere o toccare nell’universo, in un modo che non contraddice nessuno dei due.

Grazie alla presenza di una quinta dimensione siamo in grado di ottenere indizi sulla fisica in una fase molto precoce della storia del nostro universo, quando per la prima volta fu prodotta la materia oscura.

portale per la quinta dimensione
portale per la quinta dimensione

“Dopo anni di ricerca sulle possibili conferme delle nostre previsioni teoriche alla fine la nuova particella potrebbe essere scoperta attraverso le sue interazioni con la materia oscura” ha detto Matthias Neubert, capo del gruppo di ricerca.

Finestra singola Gli scienziati hanno spiegato che questa nuova particella sarebbe probabilmente simile e interagirebbe con il bosone di Higgs, ma che sarebbe troppo pesante per essere rilevata con l’attuale generazione di acceleratori di particelle e collisori.

Ma supponendo che la particella e la quinta dimensione attraverso la quale naviga esistano, “rappresenta una finestra unica” nella materia oscura, secondo l’articolo del team, pubblicato su The European Physical Journal C il mese scorso.


“Se questa particella pesante esiste, collegherebbe necessariamente la materia visibile che conosciamo e che abbiamo studiato in dettaglio con i costituenti della materia oscura, assumendo che la materia oscura sia composta da fermioni fondamentali, che vivono nella dimensione extra” afferma uno degli scienziati

Per ora, i ricercatori sono costretti ad attendere la costruzione dei nuovi collisori proposti dall’International Linear Collider, dal Compact Linear Collider (CLIC) e il Future Circular Collider . Tuttavia, la pensante Massa della particella non potrebbe essere prodotta nemmeno all’interno dell’acceleratore di particelle più potente del mondo: il Large Hadron Collider (LHC) del CERN di Ginevra.

Fortunatamente, si sospetta che questo fermione sconosciuto possa produrre onde gravitazionali che gli astronomi stanno già facendo un ottimo lavoro rilevando e che faranno ancora meglio con i prossimi rivelatori di onde gravitazionali.

A cura di universo7p

Loading...
CopyAMP code
Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

error: