Scienziati cercheranno di aprire un portale verso universi paralleli

0

Oggi torniamo a parlare della teoria del multiverso, in base alla quale esisterebbe una pluralità di universi paralleli, al punto che ogni decisione che ciascuno di noi prende in questo mondo ne creerebbe di nuovi.

Qualcuno ha intenzione di capire se sia possibile connettersi a questi UNIVERSI PARALLELI per capire come funzionano. La teoria degli universi paralleli è il risultato di un’insolita combinazione tra teoria della relatività e fisica quantistica.

Gli scienziati dell’Oak Ridge National Laboratory metteranno alla prova una squadra che li aiuterà a vedere gli universi paralleli per la prima volta al punto da poter proiettare alcuni ”specchi” delle nostre vite.

universi paralleli
universi paralleli

Secondo un’intervista alla NBC di Leah Broussard, uno dei fisici a capo del progetto, farà una salto dimensionale per rivelare una nuova realtà nascosta.

Dobbiamo ammettere che fino ad oggi, non sono state date delle prove concrete sull’esistenza di un mondo parallelo ma ci si è limitati solo con le teorie.

Comunque sia, esistono storie sui Universi Paralleli di persone che raccontano di aver avuto questo tipo di esperienza, ma mantenuto nascosto dai governi.

L’insieme di strani risultati che hanno ispirato questa nuova ricerca viene dagli anni Novanta, quando le particelle fisiche misuravano il tempo necessario a una particella di neutroni per decomporsi in protoni dopo aver eliminato il nucleo dell’atomo.

Universi paralleli, storie di persone spuntate dal nulla

Il progetto Montauk:

In una stazione radar abbandonata delle forze aeree, ad est di Long Island, nacque il progetto di Montauk, una serie di esperimenti top secret del governo americano sul modello dell’esperimento “Philadelphia”, il quale proposito era di creare una tecnologia avanzata che rendesse invisibili le navi ai radar detector. Nel 1943 il progetto fu realizzato con successo, il “USS Eldridge” divenne letteralmente invisibile prima di essere teletrasportata in un’altra dimensione, per poi riapparire vicino la costa di Norfolk, Virginia.

Secondo i documenti del progetto Montauk, Von Newmann è riuscito con successo a mandare persone in altre dimensioni senza alcuna conseguenza. Ad ogni modo, riguardo la complessità dell’esperimento nel 1967, fu mandato un rapporto al Congresso riguardante il controllo della mente ed i viaggi interdimensionali.

Il nuovo esperimento prevede nel far scoppiare un raggio di neutroni su un muro impenetrabile. Dall’altro lato, verrà posizionato un rilevatore di neutroni, che normalmente non dovrebbe rilevare nulla.

Ma se fosse stato rilevato un neutrone, la teoria è che avrebbe potuto attraversare il muro “oscillando” da un mondo all’altro e apparire in questo universo, in particolare nel laboratorio del Tennessee.Il team installerà anche campi magnetici sui lati del muro, che potrebbero alterare la loro forza. Si prevede che alcune forze aiuteranno l’oscillazione delle particelle.


Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

error: