Scala Hynek: creata per classificare gli Incontri ravvicinati

0

Scala Hynek: il sistema di classificazione degli avvistamenti UFO e gli incontri ravvicinati

La Scala Hynek ha lo scopo di classificare gli incontri ravvicinati di persone che sostengono di aver vissuto esperienze sui rapimenti alieni o di avvistamenti ufo.

Un incontro ravvicinato in ufologia è un evento nel quale una persona testimonia di essere venuta in contatto con un oggetto volante non identificato conosciuto con il termine UFO e con esseri viventi ad esso collegati.

La Scala Hynek fu ideata dall’astrologo e ufologo americano Josef Allen Hynek, inizialmente un grande scettico del paranormale e degli avvistamenti ufo. Tuttavia con il passare degli anni, i rapporti sugli avvistamenti UFO continuarono ad arrivare a ritmi sostenuti specialmente negli anni cinquanta.

Tuttavia, alla fine degli anni ’60 con una lettera inviata alla rivista Science , divulgo al mondo il suo cambio di percezione sul fenomeno UFO e passò dall’essere scettico a un divulgatore .

Hynek intraprese nuovi studi più approfonditi sui rapporti pervenuti e ritenne alcuni di essi realmente inspiegabili e reali al punto da spingersi nel diventare protagonista del Progetto Blue Book come consigliere scientifico dal 1952 al 1969. Inoltre, ha fondato il Centro Studi UFO nel 1973, con il quale ha continuato la missione di registrazione e indagine sugli avvistamenti UFO, dopo aver reso pubblica la scala Hynek

il sistema di classificazione degli avvistamenti UFO tramite la scala di Hynke

Scala Hynek: creata per classificare gli Incontri ravvicinati
Scala Hynek: creata per classificare gli Incontri ravvicinati

Gli incontri ravvicinati e gli avvistamenti UFO variano sempre in base all’esperienza di ogni persona. Hynek sosteneva che queste esperienze, nonostante fossero incontri ravvicinati con un esseri di altri mondi, avrebbero dovuto essere classificate in modo diverso .

La proposta è arrivata nel libro ” UFO Experience: A Scientific Study ” pubblicato nel 1972 dallo stesso Hynek. Un libro che, per molti, è considerato uno dei migliori documenti e importanti dell’ufologia.

Nel testo è presente una vasta documentazione sui fenomeni UFO legati all’Aeronautica degli Stati Uniti e anche un “sistema di valori” per classificare questo tipo di fenomeno.

Incontro ravvicinato di 1° tipo

Questo è senza dubbio gli avvistamenti UFO più frequenti registrati dall’uomo e i più elementari della scala Hynek. Consiste nell’osservazione di oggetti estranei nel cielo, chiamati dischi volanti o dirigibili che sembrano fatti con tecnologia non umana, a una distanza superiore a 150 metri per escludere che siano veicoli commerciali.

Incontro ravvicinato di 2° tipo

Affinché un avvistamento UFO possa essere considerato come tale, ci deve essere prova che l’oggetto non identificato è atterrato o ha lasciato tracce della sua visita sulla superficie terrestre, come danni alla terra, tracce di calore o radiazioni sul terreno. Anche l’interferenza nella ricezione di onde hertziane radiofoniche o televisive, accompagnata da un senso di disorientamento del tempo, può essere considerata un incontro ravvicinato del secondo tipo.

Incontro ravvicinato di 3° tipo

Nella classificazione di base della scala Hynek, questi sono gli incontri più spaventosi, ma anche i più rari di tutti. Se dovessi osservare una nave con caratteristiche spaziali assieme all’entità biologica che la manovra, puoi dire con tutte le proprietà che l’incontro che hai avuto è del terzo tipo.

Per molti anni, gli ufologi hanno usato diversi termini per ricondurre i fenomeni inspiegabili 

Luci notturne: la stragrande maggioranza dei rapporti sugli UFO riguarda strane luci nel cielo notturno che si muovono atipicamente. Questi di cui hanno una velocità insolita, mostrano i colori rosso, blu, arancione o bianco. In molti casi, secondo le testimonianze, rimangono sospesi in aria per poi schizzare via a velocità impossibili per la tecnologia umana.

Dischi di luce diurna: In molti casi, vengono accostati a dischi di metallo ovali che sono avvistati in pieno giorno e scompaiono con una velocità incredibile.

Casi radar-visivi: non sono altro che la conferma di segnalazioni di fenomeni UFO su schermi radar.

A cura di Universo7p

Loading...
CopyAMP code

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

error: