Richard Dolan:il il Governo americano sa tutto sugli alieni, ma non vuole che si studi il fenomeno

Richard Dolan:il il Governo americano sa tutto sugli alieni, ma non vuole che si studi il fenomeno

Una notizia curiosa ed alquanto misteriosa ci giunge da A New York dove un esperto,  Richard Dolan, noto studioso ha dichiarato che i contatti con altre civiltà ci sono e da parecchio tempo. Secondo il noto studioso Dolan, tutti i contatti con le entità aliene sarebbero stati coperti e sabotati dal Governo ( USA ndr). Certo la tesi non è nuova ma a darne la notizia è una famosa agenzia di stampa internazionale, LaPresse.

Richard Dolan:il il Governo americano sa tutto sugli alieni, ma non vuole che si studi il fenomeno

Nel testo si legge che sono dimostrabili e documentabili incontri continui e prolungati tra uomo e Alieni dal 1947, secondo quanto si apprende dalla nota c’è ormai la certezza che gli Alieni sono entità molto diverse da noi perchè tra le varie capacità possono cambiare dimensione. Secondo Richard Dolan , sarebbe proprio la Nasa, assieme alla Cia e le forze governative  coloro che più volte hanno tentato di insabbiare la verità sugli incontri con gli Alieni, tra l’altro quello che lamenta lo studioso è il potere sovraumano che Nasa, Cia ed altri organi governativi hanno non solo su i media ma anche sulla comunità scientifica che quindi ha molta difficoltà a studiare il fenomeno. Dolan, si legge su Lapresse, è intervenuto alla conferenza «Ufos and the evolution of consciousness»,  a New York alla Community Church di  Manhattan.

Richard Dolan:il il Governo americano sa tutto sugli alieni, ma non vuole che si studi il fenomeno
Richard Dolan:il il Governo americano sa tutto sugli alieni, ma non vuole che si studi il fenomeno

Dolan che studia Ufo ed Alieni da oltre 20 anni ha anche dichiarato:  «Non so chi  siano, ma credo di aver comunicato con alcuni di questi esseri. Ho l’obbligo morale di essere cauto, quindi non do nulla per certo o per scontato. Ma la nostra società cambierà completamente appena sarà rivelata la verità. È solo questione di tempo, ma  ormai le testimonianze venute fuori sono troppe. È sicuro che il governo continuerà a fare di tutto per impedirci di sapere; sarà una dura lotta, forse ci vorranno molti anni.

Richard Dolan e le dichiarazioni sul Fenomeno 

La segretezza sugli UFO, nella prospettiva di uno storico” che così concludeva: “Le prove suggeriscono che almeno alcuni UFO siano operati da entità non appartenenti alla nostra civiltà umana. Confronti hanno avuto luogo tra UFO e varie forze armate nazionali. La segretezza viene mantenuta sia attraverso la ripartizione e il controllo di fondi neri, sia influenzando le più importanti fonti dei media mondiali. Enormi somme del bilancio federale degli Stati Uniti sono state dirottate ai fini di replicare tecnologia aliena e a sviluppare un programma spaziale segreto. Inoltre, l’intero processo ha minato il sistema politico costituito, a favore di potenti soggetti privati, un processo che è stato accelerato dalla metà degli anni 1980 in poi. Il mondo ha subito una rivoluzione silenziosa. Chiedersi chi abbia le redini di questa situazione può essere argomento di una discussione pubblica, ma la realtà è che è stata creata una nuova struttura globale di potere. Stando alle prove, questa struttura controlla il segreto UFO”.

La storia ci ha insegnato che col tempo a prevalere sono quelle scoperte che l’inquisizione può ostacolare, ma non fermare. Questa forma di soppressione non è ad oltranza e nessuno deve vivere con la paura della sconfitta. Altri, anche nel lontano passato, lo hanno dimostrato, come Giordano Bruno e Galileo. E in epoca moderna, sono da ricordare e considerare d’esempio, il fisico James McDonald e lo psichiatra John Mack, i quali hanno lottato e, seppure a distanza di tempo, hanno vinto contro la casta che li voleva mettere a tacere.

Votazioni
Creato il
Articolo
Richard Dolan:il il Governo americano sa tutto sugli alieni, ma non vuole che si studi il fenomeno
COPIA SNIPPET DI CODICE

Leggi anche

Loading...

Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: