Progetto Montauk: l’America ha viaggiato nel tempo?

0

Il Progetto Montauk e la teoria del viaggio nel tempo

A differenza dei tanti progetti segreti della CIA che sono stati declassificati, non esiste un documento fisico del Progetto Montauk. Tuttavia, la quantità di testimonianze reali potrebbe confermare che gli Stati Uniti in passato sono riusciti ad aprire un buco spazio-temporale .

Anche se Non esiste ancora alcun documento ufficiale che confermi l’esistenza del Progetto Montauk, sono molti i testimoni convinti della sua esistenza.

Il progetto Montauk consisterebbe in diversi progetti orchestrati dagli Stati Uniti, che si svolgeranno all’Hero Camp di Montauk, a Long Island, New York.

Il suo scopo era quello di sviluppare e mettere in pratica diverse tecniche di guerra psicologica e indagini “paranormali”, basati sul  viaggio nel tempo .

Tuttavia, le poche prove che esistono ha generato scetticismo riguardo alle dichiarazioni delle persone coinvolte. Riducendolo a una semplice teoria .

Il Progetto Montauk Esisteva davvero?

Non si sa quale sia stato il primo riferimento al progetto Montauk ,Tuttavia alcuni record lo collocano negli anni ’80.

Secondo Jacques Vallée , astrofisico e ufologo, il progetto è nato grazie a Preston Nichols , che ha affermato di aver recuperato i ricordi repressi della sua partecipazione.

Ovviamente, questa è una delle tante teorie riguardo al progetto di cui viene ricollegato al Philadelphia Experiment .

Secondo i teorici e i ricercatori, i superstiti di questo progetto si sono incontrati tra il 1952 e il 1953. Il loro obiettivo era quello di continuare gli esperimenti sulla manipolazione della “schermatura magnetica” utilizzata dall’invisibile USS Eldrige.

Lo scopo era quello di riuscire a scoprire quali implicazioni militari avrebbe avuto il campo magnetico, impiegandolo come strategia di guerra psicologica.

Il rapporto del progetto sarebbe stato poi respinto dal Congresso degli Stati Uniti, in quanto considerato “troppo pericoloso” per la sicurezza nazionale.

Così, gli esperimenti sono tornati direttamente al Dipartimento della Difesa. Dovendo passare ancora una volta attraverso il Congresso, gli scienziati hanno promesso la creazione di un’arma capace di provocare disturbi psicotici e schizofrenia nel nemico.

Dopo L’influenza e le pressioni fatte dal Dipartimento della Difesa il progetto fu approvato. Sono stati concessi 10 miliardi di dollari in oro, che erano stati recuperati dai nazisti in un tunnel segreto in Francia.

L’inizio delle indagini
Il progetto Montauk inizierebbe ufficialmente al Brookhaven National Laboratory di Long Island, New York. All’inizio sarebbe stato conosciuto come “Progetto Phoenix”.

Ma all’inizio della ricerca, gli scienziati hanno capito che per continuare il lavoro era necessaria un’antenna radar avanzata. Installarne uno al BNL avrebbe richiesto tutti i loro fondi, così il Dipartimento della Difesa ha deciso di spostarlo in una nuova struttura.

Fu scelta la Montauk Air Force Base, che era stata recentemente chiusa. Era anche vicino al BNL.

C'è un portale spazio-temporale al centro della Via Lattea?
portale spazio-temporale

La posizione remota della base e le sue dimensioni la rendevano perfetta. Soprattutto per il radar SAGE che lavorava su una frequenza di 400 MHz – 425 MHz, nella gamma 410 MHz – 420 MHz. Segnale che, secondo gli esperti, ha influenzato la mente umana.

Secondo le dichiarazioni, sono stati condotti diversi esperimenti di teletrasporto, dimensioni alternative e viaggi nel tempo.

Il 12 agosto 1983, gli esperimenti di viaggio nel tempo furono interrotti dal Progetto Rainbow del 1943. Due uomini sono apparsi al Hero Camp, Al Bielek e Duncan Cameron.

Entrambi affermarono di essere finiti sul ponte della USS Eldridge in un portale interdimensionale, apparendo disorientati nella struttura del Progetto Montauk 40 anni dopo.

Bielek e Cameron, nelle loro dichiarazioni, erano d’accordo su un nome: John von Neumann, un famoso fisico e matematico, che avrebbe lavorato all’esperimento di Filadelfia. Ma il governo degli Stati Uniti nega totalmente questo fatto.

Viaggio Nel Tempo

Era anche possibile creare un portale temporale, che permetteva ai ricercatori di viaggiare a volontà in qualsiasi parte dello spazio-tempo.

Grazie a questo è stato possibile indagare sui tunnel sotterranei di Marte, che erano stati utilizzati in passato da una civiltà marziana. Fu anche possibile stabilire un contatto con una civiltà extraterrestre, con la quale furono scambiate informazioni che aiutarono a perfezionare il Progetto Montauk.

Stewart Swerdlow, linguista di professione, affermò di sviluppare un “linguaggio iperspaziale” combinando archetipi, glifi, colori. In questo modo si sarebbe creata una lingua non linguistica.

Ma nonostante le prove mostrate da Swerdlow, ci sono diversi ricercatori che hanno messo in dubbio il suo reale lavoro sul progetto.

Un altro possibile testimone, Enrico Chekov, un dissidente russo-spagnolo, ha dichiarato nel 1988 che la sorveglianza satellitare catturata negli anni ’70 mostrava i dati di una sorta di “bolla” a Hero Camp. Rafforzare la fede nella ricerca dei tunnel spazio-temporali.

Chekov sostenne di aver “condiviso” delle fotografie con un reporter del New York Times, tuttavia, l’appartamento di Manhattan del reporter fu svaligiato e le prove scomparvero.

Loading...
CopyAMP code
Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

error: