Phil Schneider: Sono uno dei tre sopravvissuti a una battaglia contro gli alieni

0

Phil Schneider: Sono uno dei tre sopravvissuti a una battaglia contro gli alieni

Phil Schneider è stato un esperto di esplosivi che nel 1979 aiutava a costruire basi segrete sotterranee per il governo statunitense a Dulce, New Mexico. Nel 1995 ha raccontato l’incredibile storia del suo incontro con esseri alieni che vivevano sotto terra.

Schneider ha affermato di essere uno dei tre sopravvissuti a una battaglia contro gli alieni avvenuta nell’agosto 1979 e di essere l’unica persona con autorizzazione di sicurezza di alto livello a rivelare apertamente i dettagli sulla conoscenza, da parte del Governo, degli alieni.

È stato molto critico riguardo alla decisione del Governo di tener segrete le informazioni e ha parlato molto delle sue esperienze nei due anni precedenti alla sua morte, avvenuta nel 1997. Schneider ha spiegato di aver subito molti attacchi dopo aver rivelato ciò che sapeva. La morte per suicidio è stata vista con sospetto da molti dei suoi sostenitori.

Le dichiarazioni ufficiali di Phil Schneider del 1995

“È a causa dell’orrenda struttura del governo federale che mi sento direttamente minacciato a non raccontare a nessuno queste cose. Per quanto ancora potrò farlo, nessuno lo sa. Tuttavia, vorrei precisare che questo discorso sarà diviso in quattro argomenti principali. Ciascuno di questi argomenti riguarderà da vicino alcune cose in cui voi siete direttamente coinvolti, che siate patrioti o meno.

Voglio che sappiate che questa America è un posto bellissimo. Ho visitato più di 70 paesi, e non riesco a ricordare nessun paese dotato di una tale bellezza, oltre che della magnificenza della sua gente, come gli Stati Uniti.

Per darvi una vaga idea di quello che sono, vi dico che ho iniziato la scuola di ingegneria e l’ho portata a termine. Metà dei miei studi sono avvenuti in quel campo e mi sono fatto una buona reputazione come ingegnere geologico, e anche come ingegnere strutturale con applicazioni sia militari che aereospaziali. Ho contribuito a costruire due basi principali negli Stati Uniti che hanno una certa importanza riguardo ciò che viene definito “Nuovo Ordine Mondiale”. La prima base è quella a Dulce, nel New Mexico. Nel 1979 sono stato coinvolto in una sparatoria contro alieni umanoidi, e sono uno dei pochi sopravvissuti. Molto probabilmente sono l’unico dei sopravvissuti che sentirete mai parlare. Altri due sopravvissuti vengono tenuti sotto stretta sorveglianza. Sono l’unico rimasto che conosce i file dettagliati dell’intera operazione. Sessantasei tra agenti dei servizi segreti, dell’FBI, Berretti Neri e altri, morirono in quel conflitto a fuoco. Io ero lì.

Per prima cosa, parte di quel che vi dirò sarà davvero sconvolgente. Parte di quel che sto per raccontarvi sarà probabilmente anche molto poco credibile ma, invece di mettervi gli occhiali, vi chiederò di utilizzare un po’ di sano scetticismo. Ma per favore, sentitevi liberi di fare i compiti a casa. So che il Freedom of Information Act è dietro l’angolo, ma è il meglio che possiamo fare. La biblioteca legale vicino casa vostra è un buon posto dove cercare informazioni sui Registri Congressuali. Quindi, se qualcuno continua a fare i suoi compiti a casa, puo’ vigilare su ciò che accade nel proprio Paese.

Basi sotterranee militari Dulc   e Black Budget

Amo il Paese in cui vivo più della mia stessa vita, ma non starei qui in piedi davanti a voi, rischiandola, se non ci credessi davvero. La prima parte di questo discorso riguardera le basi militari sotterranee e il Bilancio Nero (Black Budget). Il Black Budget è un bilancio segreto che ingloba il 25% del prodotto interno lordo degli Stati Uniti. Il Black Budget attualmente consuma 1.25 trilioni di dollari all’anno. Questa è la somma minima che viene usata nei programmi oscuri, come quelli che riguardano le basi sotterranee militari. Attualmente, ci sono 129 basi sotterranee militari negli Stati Uniti.

Hanno costruito queste 129 basi incessantemente, giorno e notte, sin dai primi anni ’40. Alcune sono state costruite anche prima. Queste basi sono in pratica delle grandi città sotterranee collegate attraverso treni ad alta velocità magneto-leviton, che arrivano a velocità Mach 2. Sono stati scritti diversi libri a riguardo. Al Bielek ha la mia unica copia di uno di questi. Richard Souder, un architetto, ha rischiato la sua vita per averne parlato. Ha lavorato con un numero di agenzie governative alle basi militari sotterranee. Qui attorno, dove voi vivete, in Idaho, ce ne sono 11.

La profondità media di queste basi è di circa un miglio, e come dicevo sono praticamente delle intere città sotterranee. Sono tutte tra le 2.66 e le 4.25 miglia cubiche in dimensione. Hanno macchinari per la trivellazione laser che possono scavare un tunnel di sette miglia in un solo giorno. I Progetti Segreti vanno di pari passo con l’autorità del Congresso, che come ben sappiamo è illegale. Proprio in questo esatto momento, il Nuovo Ordine Mondiale dipende da queste basi. Se l’avessi saputo all’epoca, quando ci lavoravo, non l’avrei fatto. Mi hanno mentito in maniera sistematica.

 

LA STORIA DELLA BASE ALIENA E DELLA BATTAGLIA

Schneider aveva molti sospetti sulla base sotterranea che stava aiutando a costruire, vista la presenza di molte forze speciali dell’esercito degli Stati Uniti, iBerretti Verdi.

Il team di lavoro ha creato quattro grandi buchi, come tradizionalmente si fa quando si comincia a costruire una base sotterranea. Tuttavia ciò che è emerso dai buchi non corrispondeva affatto alla normale procedura. In una conferenza svoltasi alla 1995 Preparedness Expo, Schneider ha dichiarato: «Dai buchi è uscita dell’aria nera e fuligginosa». Era andato sotto terra per fare una valutazione quando si è ritrovato a pochi passi da un big grey – un alieno alto due metri circa.

 

Ha infatti spiegato: «La puzza era peggio di quella della spazzatura. L’essere era davvero spaventoso». Schneider ha cercato a tentoni la pistola che aveva con sé. Ha ucciso due degli esseri, ma non prima che uno di loro potesse emettere una strana scarica energetica dannosa.

L’alieno ha fatto una specie di movimento circolare con la mano, agitandola davanti al petto. Schneider ha imitato il gesto. «Dopodiché il fascio blu mi ha colpito e mi ha aperto proprio come un pesce».

Phil Schneider: Sono uno dei tre sopravvissuti a una battaglia contro gli alieni

Ha mostrato al pubblico la sua mano. Il fascio aveva bruciato le dita della mano sinistra e lo aveva colpito al petto. Ha bruciato le sue scarpe e le unghie dei piedi. Un berretto verde gli ha salvato la vita, ma è morto. Ha portato Schneider in un ascensore e ha premuto il bottone perché potesse tornare in superficie sano e salvo.

Sempre secondo Schneider, più di 60 persone hanno perso la vita quel giorno. Gli altri due sopravvissuti vivono in case di riposo in Canada. Sono protetti dal Governo canadese e nessun cittadino americano può vederli. Schneider ha spiegato che questo è dovuto al fatto che hanno paura di essere rapiti.

Ha poi aggiunto: «Lì sotto c’è una guerra che è in corso da quel momento». Ha accennato poi alle 1.477 basi sotterranee presenti in tutto il mondo, di cui 129 situate negli Stati Uniti. Ciascuna costa 12 miliardi di euro o più. Ha poi detto che il bilancio nero, nascosto dalle agenzie governative statunitensi, raccoglie il 25 per cento del prodotto interno lordo. Per questa battaglia contro gli alieni, sono state arruolate forze militari di diversi Paesi.

Vi lasciamo entrambi video in italiano e l’intervista in inglese

di Universo7p


Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

error: