Per la prima volta captato un segnale radio da un esopianeta

0

Rilevato il primo segnale radio da un esopianeta

Un team di astronomi della Cornell University (New York) ha sviluppato un sistema, chiamato “programma di canalizzazione BOREALIS”, con il quale hanno catturato quello che potrebbe essere il primo segnale radio da un esopianeta .

Gli astronomi hanno sempre cercato percorsi diversi e infiniti strumenti in grado di scoprire l’esistenza della vita su altri pianeti

Fino ad ora, gli studi avevano dimostrato che le cadute nei livelli di luce di una stella possono rivelare la presenza di pianeti in orbita.

 Ora il team del ricercatore Jake Turner ha sviluppato un sistema con il quale hanno dimostrato in uno studio, pubblicato su Astronomy & Astrophisics , che l’osservazione delle emissioni radio dei pianeti è il metodo più affidabile per scoprire se hanno un campo magnetico . 

“Queste informazioni forniranno dati preziosi sulla struttura interna del pianeta , la fuga atmosferica e se il pianeta è abitabile”, afferma Jake Turner. 

Le emissioni radio vengono prodotte quando il vento stellare (particelle che fluiscono dalla stella centrale) colpisce il campo magnetico, il suo cambiamento di velocità viene rilevato come variazioni sorprendenti chiamate ” raffiche “.

Abbiamo già refistrato esplosioni simili da altri pianeti nel nostro sistema solare”.

Esopianeta Tau Boötis

Il “programma di canalizzazione BOREALIS” sviluppato dal gruppo di ricercatori serve a rilevare esplosioni generate dal campo magnetico terrestre

Lo scorso anno il Team aveva ridimensionato quelle emissioni per imitare le possibili firme di un lontano esopianeta simile a Giove. Questi risultati sono diventati il ​​modello per la ricerca delle emissioni radio da esopianeti da 40 a 100 anni luce di distanza. 

Dopo i dati, gli esperti hanno deciso di testare il loro sistema osservando tre esopianeti noti: 55 Cancri, Upsilon Andromedae e Tau Boötis.

L’ultimo, Tau Boötis , che dista 51 anni luce, è stato l’unico da cui è stata ottenuta una risposta ottimale e che si adatta ai dati calcolati dagli esperti con Giove. Le sue emissioni di burst erano comprese tra 14 e 21 MHz, il che significa che la forza del campo magnetico sulla sua superficie varia tra 5 e 11 gauss.

“La ricerca di un campo magnetico degli esopianeti simili alla Terra, ci aiuta a capire sei il pianeta ha le carte in regola per ospitare forme di vita ” spiega il ricercatore. 

Poiché il segnale che hanno ottenuto era debole, non si può escludere che la sorgente sonora abbia avuto origine da “eruzioni stellari”, quindi i ricercatori sono in attesa di conferme tramite i telescopi LOFAR-LBA e NenuFAR. 

Tuttavia, la scoperta apre un nuovo campo di ricerca sulla scoperta di Esopianeti pianeti abitabili oltre la terra.

Loading...
CopyAMP code
Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

error: