Nibiru: Due astronomi riaprono la ricerca oltre l’orbita di Plutone

0

Il Pianeta x o conosciuto meglio come Nibiru secondo due astronomi si troverebbe oltre l’orbita di plutone

Due astronomi Malena Rice e Gregory Laughlin, riaprono la caccia al Pianeta X grazie ad una nuova tecnica chiamata shift and stacking  in grado di individuare le deboli tracce orbitali che solcherebbero una zona particolarmente scura del nostro universo. Si tratta di una tecnica che raccoglie la luce dispersa di migliaia di immagini del telescopio spaziale e identifica le tracce orbitali di oggetti non rilevati in precedenza.

“Non è possibile vederli senza questa tecnica”. Se il Pianeta X è là fuori, sarà incredibilmente buio e difficile da intercettare “, ha detto Rice, autore principale di un nuovo studio che è stato accettato da The Planetary Science Journal.

Sebbene la stragrande maggioranza della luce osservata dai pianeti del sistema solare sia luce riflessa, la quantità di luce solare riflessa si riduce drasticamente per un pianeta così lontano come il Pianeta Nove, probabilmente da 12 a 23 volte più lontano dal Sole di Plutone.

Malena Rice e Gregory Laughlin ne sono convinti: Nibiru è li fuori, e grazie a questa tecnica saremo in grado di individuarlo.

NIBIRU
Ricostruzione Prove sull’esistenza di Nibiru

La possibilità di un nono pianeta nel nostro sistema solare, situato oltre l’orbita di Nettuno, ha guadagnato slancio tra gli astronomi negli ultimi anni, poiché hanno esaminato le curiose orbite di un ammasso di piccoli oggetti ghiacciati nella Cintura di Kuiper. Molti astronomi ritengono che l’allineamento di questi oggetti – e le loro traiettorie – puntino all’influenza di un oggetto invisibile.

L’ipotesi del Pianeta x o Nibiru

 Il primo a lanciare l’ipotesi dell’esistenza del misterioso corpo celeste fu lo scrittore Zecharia Sitchin che che oltre ad avere teorizzato a un periodo di rivoluzione di 3.600 anni, aveva anche suggerito che da questo pianeta provenisse la razza degli Anunnaki ,che secondo le traduzioni fatte dallo stesso scrittore, sono stati gli artefici della creazione degli umani.

Una super Terra

Era stato anche proposto un parametro che fissava l’orbita del Pianeta X allungata con un periodo di circa 15 mila anni terrestri, una massa di circa dieci volte quella della Terra e da due a quattro volte il suo diametro. Il nono pianeta sarebbe così una super terra, proprio quella super terra che manca al nostro sistema solare, se paragoniamo il nostro sistema solare agli altri scoperti nell’universo di cui quasi tutti hanno una super terra. In questo caso, Il pianeta nove sarebbe il quinto in ordine di grandezza dopo Giove, Saturno, Urano e Nettuno.

Ci sono 17 candidati

I ricercatori hanno testato il loro metodo ricercando con successo i segnali luminosi di tre oggetti noti, trans-nettuniani (TNO). Successivamente, hanno condotto una ricerca alla cieca di due settori del sistema solare esterno che potrebbero rivelare il Pianeta Nove o qualsiasi oggetto della cintura di Kuiper non rilevato in precedenza – e hanno rilevato 17 oggetti potenziali.

“Se anche uno solo di questi oggetti candidati è reale, ci aiuterebbe a capire la dinamica del sistema solare esterno e le probabili proprietà del Pianeta Nove”, ha detto Rice. “E’ un’informazione nuova e avvincente”.

A cura di universo7p

Loading...
CopyAMP code

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

error: