Neil Armstrong: Accordo da 6 milioni di dollari per mantenere segreta la causa sulla sua morte

0

Un accordo segreto per mettere a tacere la causa sulla morte di Neil Armstrong

Continuano i misteri avvolti a Neil Armstrong l’astronauta e aviatore statunitense, primo uomo a posare piede sulla Luna morì in seguito a un intervento chirurgico al cuore ma i suoi figli il 25 agosto 2012 (giorno del decesso) avevano messo in dubbio non solo lʼoperato dei medici, ma anche la vera causa sulla morte del Padre Ritenendo colpevoli l’operato dei medici.

Adesso, come scrive il noto quotidiano New York Times il decesso di Neil Armstrong nasconde un segreto: un accordo tra la famiglia Armstrong e l’ospedale ( Mercy Health-Fairfile Hospital ) dove si operò per evitare una causa giudiziaria. I figli dell’astronauta contestarono che il padre morì a causa di un errore medico e l’ospedale, per evitare una pessima pubblicità, preferì pagare 6 milioni di dollari.

La causa sulla Morte di Armstrong

Secondo quanto riportato dalla stessa famiglia Armstrong le infermiere che rimossero i fili per un pacemaker temporaneo avrebbero causato una emorragia nella membrana che circonda il cuore. L’ospedale difese il trattamento ma preferì pagare 6 milioni di dollari per sistemare la questione ed evitare una pubblicità devastante, con l’associazione alla morte di un eroe americano.

Interessante notare anche come la rivelazione del New York Times arriva pochi giorni dopo il 50.mo anniversario dello storico allunaggio. Il quotidiano sostiene di aver ricevuto da uno sconosciuto 93 pagine di documenti legati alla vicenda, incluse le opposte perizie mediche di parte.

Leggi anche Perché Armstrong, Collins e Aldrin si rifiutarono di giurare sulla Bibbia che sono stati sulla Luna?

Non mancano anche le teorie complottiste sulla causa della sua morte,dove raccontano di un Armstrong negli ultimi tempi stanco sulle frequenti minacce da parte dei governi ombra per mantenere nascosta una verità sulla Luna che forse avrebbe sconvolto il mondo?

Leggi anche

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

error: