NASA: Nuovo messaggio per contattare gli Extraterrestri

0

La Nasa ha deciso di creare Un nuovo messaggio per contattare gli Extraterrestri

Gli scienziati della NASA hanno creato un nuovo messaggio per contattare gli Extraterrestri per essere inviato a un ammasso di stelle della Via Lattea a 6.000 anni luce dalla Terra dove si pensa possa ospitare vita intelligente.

Alla vigilia del 48° anniversario del Messaggio di Arecibo, un team di scienziati, guidato dal Jet Propulsion Laboratory della NASA a Los Angeles, ha sviluppato un messaggio in codice binario che propone un incontro con un’altra eventuale civiltà che potrebbe abitare nelle profondità della Via Lattea. Il team descrive la loro proposta in un documento pubblicato sul Journal of Galaxies.

Il Messaggio Arecibo, inviato nel 1974 e progettato dall’astronomo Frank Drake, uno dei pionieri del progetto SETI per la ricerca di vita intelligente al di fuori della Terra, aveva lo scopo di registrare la nostra esistenza a qualsiasi civiltà aliena presente nella Via Lattea. Ma non è stato l’unico tentativo.

Due anni prima del Messaggio di Arecibo, nel 1972, la NASA lanciò la sonda spaziale senza equipaggio Pioneer 10 verso Giove e il sistema solare, che conteneva un diagramma artistico chiamato Pioneer Plaque, progettato dal cosmologo Carl Sagan in collaborazione con Drake. Era anche incluso in Pioneer 11, lanciato un anno dopo.

nuovo messaggio per contattare gli Extraterrestri
nuovo messaggio per contattare gli Extraterrestri

25.000 ANNI LUCE DI DISTANZA

Realizzato in alluminio placcato oro, la targa contiene un messaggio inciso con il quale informa una possibile civiltà extraterrestre su chi siamo e dove ci troviamo.

L’ultimo segnale del Pioneer 10 è stato ricevuto il 23 gennaio 2003, quando si trovava a dodici miliardi di chilometri dalla Terra. Attualmente si sta dirigendo verso la stella Aldebaran nella costellazione del Toro, dove arriverà tra 1,69 milioni di anni.

Il messaggio di Arecibo è un messaggio radio, non una placca dentro una sonda spaziale. È lungo 1679 bit ed è stato inviato in direzione dell’ammasso stellare della Via Lattea chiamato M13, situato a circa 25 000 anni luce dalla Terra. Attualmente, il messaggio ha percorso lo 0,2% della sua distanza programmata.

Il Messaggio di Arecibo contiene informazioni sullo stato del sistema solare, del nostro pianeta e dell’umanità. Anche Carl Sagan è stato coinvolto nella progettazione del messaggio. Impiegherà 25.000 anni per raggiungere la sua destinazione.

Il Nuovo Messaggio per contattare gli Alieni

Il nuovo messaggio che è stato proposto di inviare per incontrare possibili civiltà extraterrestri si chiama “Beacon in the Galaxy” (BITG) ed è una versione aggiornata e modernizzata del Messaggio di Arecibo.

Invece di trasmettere descrizioni di certi aspetti della Terra e dell’umanità, BITG contiene rappresentazioni digitali di cose come lo spettro dell’idrogeno, il DNA e la forma umana. Il messaggio contiene anche informazioni su dove si trova la Terra e quando il messaggio è stato inviato.

Il messaggio potrebbe essere inviato, secondo gli autori, utilizzando il Five Hundred Meter Aperture Spherical Telescope (FAST) nel sud-ovest della Cina e attraverso le 42 antenne del SETI Institute’s Allen Telescope Array (ATA) a Hat Creek, nel nord della California.

Sia FAST, il successore del radiotelescopio che ha inviato il messaggio di Arecibo, che ATA possono solo ricevere messaggi radio, non inviarli, ma i creatori del nuovo messaggio pensano che i prossimi aggiornamenti di entrambi i telescopi permetteranno loro di inviarlo finalmente.

Destinazione a 6000 ANNI LUCE DI DISTANZA

La destinazione di questo messaggio è un’altra zona della Via Lattea che è stata considerata come la più adatta ad ospitare vita intelligente: un ammasso di stelle che si trova da 6 000 a 20 000 anni luce da noi, un po’ più vicino all’obiettivo del messaggio di Arecibo.

BITG include concetti matematici e fisici di base per stabilire un mezzo di comunicazione universale, seguiti da informazioni sulla composizione biochimica della vita sulla Terra, la posizione del sistema solare nella Via Lattea, così come rappresentazioni digitalizzate del sistema solare e della superficie terrestre.

Il messaggio si conclude con immagini digitalizzate della forma umana, insieme a un invito per qualsiasi intelligenza ricevente a rispondere.

I creatori di questo messaggio sottolineano che l’obiettivo finale è quello di avviare un dialogo, indipendentemente dalla distanza in cui potrebbe avvenire l’incontro con un’altra civiltà, che potrebbe richiedere secoli. “L’umanità ha una storia avvincente da condividere e il desiderio di conoscere gli altri, e ora ha i mezzi per farlo”, concludono.

Loading...
CopyAMP code
Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

error: