L’uomo di Marree: Il misterioso gigante visibile dallo spazio.

0

L’Uomo di Marree: un mistero ancora da svelare

A 20 anni dalla sua scoperta,L’Uomo di Marree continua ad essere uno dei più grandi misteri irrisolti. Situato nella parte centrale dell’Australia Meridionale, il geoglifo è stato scoperto dal pilota di un aereo dell’outback Trevor Wright nel 1998.

Dalla sua coperta sono state fatte numerose teorie sulle sue misteriose origini, al punto che l’imprenditore Dick Smith ha offerto una ricompensa di 5000 di dollari alla persona che avrebbe dato informazioni sulle sue origini. Ma per il momento, sembra che nessuno sia stato in grado di portare informazioni sulla sua creazione.

La figura visibile solo dall’alto,misura 4,2 km in altezza (per darvi un esempio l’Empire State Building è dieci volte più piccolo) ed ha un perimetro di 15-28 km. Si tratta del più grande geoglifo conosciuto e per il momento,le sue origini rimangono un mistero. Al momento della scoperta, le linee della figura erano profonde 20-30 cm e larghe sino a 35 m.

Con il passare degli anni,l’immagine si stava gradatamente erodendo per processi naturali per cui nell’agosto 2016 sono stati effettuati lavori di restauro per ridefinire il geoglifo dove ha riportato alla luce una sagoma chiaramente visibile dall’aria, corrispondente all’originale.

Cosa o chi rappresenta L’Uomo di Marree?

L’uomo di Marree Raffigura un cacciatore aborigeno, probabilmente della tribù Pitjantjatjara con una lancia in mano.

L'uomo di Marree
L’uomo di Marree

Sui giornali sono partite le ipotesi più fantasiose, a cominciare dall’idea che sia opera di antichi alieni che usavano queste figure per lasciare dei messaggi dallo spazio alle antiche tribù presenti in zona. Ma secondo gli esperti, gli Alieni non hanno nulla a che fare con questa figura, bensì sostengono che si tratti di una opera moderna creata con un GPS.

Turner sostiene che la creazione accurata dell’enorme figura sia stata fatta molto prima, sostenendo che il GPS non era ancora presente.

Visibile dallo Spazio

La Nasa, di recente, ha riproposto un’immagine satellitare scattata proprio da Landsat 8 come foto del giorno. Ricorda molto le figure stilizzate di animali tracciati nell’antichità dai popoli precolombiani, e come quelle, il modo migliore per apprezzarlo è sorvolarlo da qualche chilometro di quota. 

Insomma, Sicuramente, da quando è apparso, questa misteriosa figura è divenuto una meta turistica. Al punto che gli abitanti della zona,comepresi proprietari degli hotel in zona,si occupano della manutenzione.

Guardando nei dettagli,L’Uomo di Maree ricorda molto le famose linee le di Nazca visibili in Perù, di cui, qualche mese fa, furono scoperta 143 nuovi geoglifi.

Loading...
CopyAMP code

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

error: