mercoledì, Maggio 27, 2020
Home scienza Longevità: il suo segreto scoperto in un piccolo verme

Longevità: il suo segreto scoperto in un piccolo verme

I segreti della longevità si trovano in un piccolo verme

L’uomo è stato sempre alla ricerca dei segreti della longevità, di cui oggi sappiamo che non è scritto in solo gene, bensì è insito in un meccanismo di cui prevede l’attivazione contemporanea di due “interruttori” molecolari, in grado di avviare un processo che permette di allungare la vita del 500%.

Fino a qualche anno fa si riteneva che la longevità fosse determinata in maniera molto significativa dal patrimonio genetico dell’individuo. Studi recenti, però, hanno valorizzato molto di più fattori di contesto ambientale e lo stile di vita. Le attuali conoscenze sui meccanismi genetici hanno evidenziato una maggiore dinamicità del patrimonio genetico che si caratterizza per una espressione genetica mutevole in risposta a numerose influenze ambientali.


Il segreto della longevità è stata scoperta nei vermi nematodi ‘C. elegans’, spesso utilizzati negli esperimenti finalizzati a studiare la longevità, da un team di ricercatori statunitensi del Mount Desert Island Biological Laboratory e del Buck Institute for Research on Aging, grazie alla collaborazione degli esperti cinesi dell’Università di Nanchino.

Longevità: il suo segreto scoperto in un piccolo verme
Longevità: il suo segreto scoperto in un piccolo verme

Alla scoperta della longevità

- Advertisement -

Grazie agli esperimenti fatti sui nematodi, i biologi hanno modificato geneticamente due ‘interruttori’ di longevità che attivano due circuiti molecolari nelle cellule (evolutivamente conservati anche nell’uomo): quello legato all’insulina e quello della proteina Tor.

Sapendo che la regolazione del primo circuito può aumentare la longevità del verme del 100%, mentre il secondo del 30%, i ricercatori si aspettavano che insieme avrebbero allungato la vita del 130%. Invece hanno ottenuto un’impennata del 500%

“L’effetto sinergico è stato pazzesco”, afferma Jarod A. Rollins, che ha guidato lo studio con Jianfeng Lan dell’Università di Nanchino. “L’effetto non è uno più uno uguale a due, ma uno più uno uguale a cinque.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Ultimi articoli

Russia: scoperta una presunta Piramide simile alla Grande Piramide d’Egitto

Un gruppo di turisti appassionati di spedizioni nel nord della Russia hanno presumibilmente scoperto un'enorme montagna con la forma esatta della...

La Cina punta Marte e i suoi misteri con una missione a luglio

La Cina verso Marte con una sonda che ha il compito di esplorare i Misteri di Marte Marte rimane un...

Enochiano: Il misterioso linguaggio perduto degli angeli

Il linguaggio perduto degli angeli chiamato ENOCHIANO Da secoli gli esseri umani hanno avuto diverse lingue parlate e scritte,...

Scoperte Misteriose stanze sotto al Muro del Pianto

Una sensazionale e misteriosa scoperta sotto il Muro del pianto di Gerusalemme Un gruppo di ricercatori che hanno effettuato degli...

Registrate Anomalie nel campo magnetico terrestre

Secondo gli scienziati il campo magnetico terrestre sta cambiando di intensità Le anomalie del campo magnetico terrestre rilevate dagli...

X-37B: Il misterioso aereo spaziale parte per una missione segreta

Il misterioso aereo spaziale dell'esercito americano X-37B è di nuovo in orbita , ma la sua missione non è dovuta a saperlo

L’uomo di Marree: Il misterioso gigante visibile dallo spazio.

L'Uomo di Marree: un mistero ancora da svelare A 20 anni dalla sua scoperta,L'Uomo di Marree continua ad essere...
error: