Lo Spazio uccide i tumori: le cellule cancerogene in assenza di gravità muoiono

0

Tumori: le cellule cancerogene in assenza di gravità muoiono

Lo spazio, diventa il primo nemico per i tumori grazie all’assenza di gravità che uccide il 90% delle cellule cancerogene. La scoperta, basata su un esperimento durato 24 ore in un simulatore di microgravità, ha permesso di eliminare il 90% delle cellule tumorali presenti, morte senza ricorrere ai farmaci. Ora, resta da capire come mai è quale sia la causa che ha permesso questo importante fenomeno.

Si tratta di Una grande scoperta che porta la firma di due ricercatori dell’Università di Tecnologia di Sydney, Joshua Chou e Anthony Kirollos.

Lo Spazio uccide i tumori: le cellule cancerogene in assenza di gravità muoiono
Lo Spazio uccide i tumori: le cellule cancerogene in assenza di gravità muoiono

I due ricercatori sdi sono accorti che le particelle, prelevate da quattro tipi di cancro, alle ovaie, al seno, al naso e ai polmoni, morivano nel giro di un giorno, senza nemmeno bisogno di ricorrere a farmaci. Rimane solo di capire il motivo che spinge queste cellule a morire cosi rapidamente. Per capire il perché, l’esperimento proseguirà sulla Stazione Spaziale Internazionale in attesa di aggiornamenti.

I due scienziati hanno già avanzato qualche prima ipotesi sulle cause del fenomeno. Ad esempio, potrebbero esserci dei problemi di comunicazione tra le cellule maligne quando si trovano in una condizione di gravità ridotta o del tutto assente. Non riescono più a muoversi e ad agire normalmente, così faticano a sopravvivere.

Al momento,per verificare che la teoria sia corretta e, soprattutto, che la formazione tumorale risulti effettivamente danneggiata dopo un viaggio nello spazio, i ricercatori lanceranno in orbita una nuova scatoletta che consegneranno al prossimo lancio agli astronauti australiani che partiranno per la prima missione spaziale del Paese.

Lo scopo sta nel tenere Le cellule in un ambiente privo di gravità per vedere se il risultato si ripete.

Vi lasciamo al video di questa incredibile scoperta

Leggi anche

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

error: