L’Isis: “Ora distruggeremo le Piramidi e la Sfinge “

0

La furia dello Stato islamico non si arresta più. Proprio in questi giorni i sanguinari miliziani fedeli al califfo Abu Bakr al-Baghdadi hanno distrutto con i bulldozer l’antica città assira di Nimrud.

E adesso sono pronti a colpire l’Egitto nel cuore delle sue radici. Il portale Islam Web ha lanciato una fatwa proprio contro le Piramidi e la Sfinge in quanto “idoli” contrari alla fede islamica. Da qui l’appello a tutti i jiahisti dell’Isis affinché li facciano saltare in aria. Una minaccia terrificante che, negli ultimi giorni, è stata ripresa dalla stampa egiziana.

La fatwa contro le Piramidi e la Sfinge era stata pronunciata una prima volta nel 2012 dall’imam Murgan Salem al Gohary. Oggi, alla luce delle distruzioni delle statue al museo di Ninive e della chiesa di Mosul, la minaccia si fa ancora più grave. Nell’ordinamento giuridico islamico la fatwa è la risposta del giudice a una dubbio legislativo non sufficientemente chiaro. In questo caso è stato decretato che è giusto distruggere le Piramidi e la Sfinge in quanto simboli dei faraoni dell’antico Egitto.

 

Consentirne la loro esistenza, a detta dei tribunali islamici, significherebbe avallare l’idolatria. Come “falsi idoli”erano considerate le vestigia e le statue di Nimrud. Tanto che i folli miliziani dello Stato islamico hanno taso al suolo con i bulldozer l’antica città assira fondata nel XIII secolo avanti Cristo.

“Chi ha pronunciato la fatwa contro le Piramidi non capisce nulla – commenta il segretario generale del Consiglio supremo delle antichità, Mustafa Amin – la religione ci esorta a prendere esempio da chi ci ha preceduto attraverso l’osservazione di ciò che ci hanno lasciato. La legge egiziana punisce chi intacca i beni archeologici, anche solo con un graffio”. A proposito delle immagini diffuse sul web in cui i miliziani dello Stato islamico distruggono i reperti del museo iracheno di Mosul, Amin esprime totale rifiuto: “Questi reperti sono il punto di contatto diretto tra noi e il passato e la loro esistenza è importante”. Viene, però, da chiedersi se le Piramidi e la Sfinge siano davvero in pericolo. Dopo aver assistito alla distruzione delle statue del Buddha di Bamiyan, bombardate nel 2001 a colpi di cannone, e dell’antica città assira di Nimrus, rasa al suolo coi bulldozer, viene da dire di sì. Qualora l’Isis dovesse arrivare in Egitto, il rischio sarebbe più che reale.

fonte

Leggi anche

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

error: