Linee di Sajama, misteriose line visibili solo dall’alto

0

Le misteriose Linee di Sajama

Le Linee di Sajama sono delle linee incise nel terreno situate nella Bolivia occidentale dove coprono una superficie di circa 22mila chilometri quadrati visibili solo dall’alto. Secondo le ultime analisi, le Linee di Sajama risalgono a circa 3mila anni fa, e dall’alto sono un vero spettacolo e la precisione è notevole, ma la loro vera funzione sembra essere rimasta tutt’ora sconosciuta.

Come le più note Linee di Nazca in Perù, lo scopo delle Linee di Sajama, anche dopo numerose teorie, rimane tutt’ora  un mistero, soprattutto per il grande sforzo richiesto dalla loro realizzazione e la complessità dei calcoli.

Linee di Sajama
Linee di Sajama

Il primo a dare attenzione alle linee di Sajama fu il viaggiatore Aimé Felix Tschiffely nel 1932 che ne diede una breve descrizione nei suoi appunti. Nella stessa decade, l’antropologo Alfred Metraux portò le linee e le strutture associate all’attenzione degli studiosi, pubblicando un lavoro etnografico circa le popolazioni Aymara della regione di Carangas.

Linee di Sajama
Linee di Sajama

Linee di Sajama e la sua Misteriosa funzione

Le linee di Sajama sono state considerate da alcuni studiosi degli antichi sentieri di pellegrinaggi sacri, realizzate nel terreno dopo aver spostano le piante e i materiali presenti lungo il percorso da tracciare, inoltre, queste linee corrono per svariati chilometri e in molti casi, non si interrompono nemmeno in presenza di lagune, fiumi e rilievi montuosi.

Sebbene la regione sia scarsamente popolata, vi sono segnali che queste linee siano ancora utilizzate come sentieri. In molti casi, queste le linee di Sajama sono state accostate a misteri ufologici per le molte segnalazioni di strani avvistamenti UFO in tutta la zona.

Si sostiene infatti che, dopo la mezzanotte, strane luci fanno da padrona il territorio.

Poco dopo mezzanotte, il Geologo Will Jansen, vide un disco sospeso a bassa quota, che si mosse a zig-zag e andò via velocemente. Poi vide un secondo disco sospeso più lontano, che si alzò in verticale e sparì anch’esso velocemente.

Tale distribuzione, comunque, è a sua volta strettamente dipendente dalla presenza sul territorio di organi di informazione ed appassionati in grado di catalizzare e divulgare le testimonianze di coloro che ritengono di avere osservato un fenomeno aereo anomalo.

Come sia stato possibile realizzarle con tale precisione, se consideriamo la topografia ostile e gli innumerevoli ostacoli naturali, è un vero mistero. Inoltre, stranamente su questi antichi tracciati non crescono mai le piante, un fatto davvero molto curioso

Loading...
CopyAMP code

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

error: