Linee di Nazca: Scoperti 143 nuovi geoglifi di umanoidi e strani animali

0

Linee di Nazca: Scoperti altri 143 nuovi geoglifi

I misteri delle Linee di Nazca ha sempre suscitato molti interesse sul campo scientifico. In una nuova scoperta resa possibile dall’intelligenza artificiale, i ricercatori hanno trovato geoglifi umanoidi, piante e animali come serpenti, lama, pesci, uccelli e altri sulle linee di Nazca in Perù.

Un gruppo di  scienziati dell’Università di Yamagata ha scoperto in Perù 143 nuovi geoglifi nelle Linee di Nazca e Pampas de Jumana.

Situati principalmente nella parte occidentale della Pampa di Nasca, questi nuovi geoglifi sono stati identificati dal lavoro sul campo e dall’analisi dei dati 3D ad alta risoluzione, ai rilievi di superficie fatti a terra dagli stessi ricercatori.

Linee di Nazca: Scoperti altri 143 nuovi geoglifi
Linee di Nazca: Scoperti altri 143 nuovi geoglifi

Stando a quanto riferito dai ricercatori, di nazionalità giapponese, la scoperta riguarda raffigurazioni umane, di animali e molte altre insolite figure la cui origine è riconducibile tra il 100 a.C. e il 300 d.C..

Linee di Nazca: I nuovi geoglifi di umanoidi e strani animali

Tra i disegni identificati anche quello di un’insolita figura umana con tre elementi decorativi in ​​testa. Secondo gli specialisti, si tratta del primo caso in cui le tecnologie di intelligenza artificiale hanno aiutato a scoprire nuovi geoglifi.

Linee di Nazca: Scoperti altri 143 nuovi geoglifi

I ricercatori, impegnati nel complesso lavoro di identificazione dei disegni ormai da anni, intendono preparare una mappa della posizione basata sui risultati del loro lavoro sul campo così da promuovere la comprensione di tutte le linee di Nazca nel loro insieme.

Inoltre, i ricercatori mirano a produrre una mappa della posizione basata sui risultati del lavoro sul campo. Questa tecnologia e questi sforzi dovrebbero promuovere la comprensione di tutte le linee Nasca nel loro insieme.

L’Università di Yamagata e IBM Research hanno firmato un accordo accademico sulla ricerca nelle linee Nasca. La tecnologia di intelligenza artificiale è prevista presso l’IBM Thomas J. Watson Research Center negli Stati Uniti con lo scopo di aiutare il team di ricerca di Yamagata a comprendere meglio la distribuzione delle Linee Nasca e ad accelerare la ricerca.

Secondo gli scienziati, Le Linee di Nasca hanno ancora molto altro da mostrare, nascosto tra le sabbie del deserto di Ica in Perù.

A cura di Universo7p

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

error: