L’astronauta John Glenn e gli UFO che lo circondano nello spazio

0

L’astronauta John Glenn e gli UFO che lo circondano nello spazio

Era Il 20 febbraio 1962 quando l’astronauta statunitense John Glenn aveva compiuto un volo orbitale intorno alla Terra agli albori delle esplorazioni spaziali in compagnia degli Ufo.

Anche in questo caso il fenomeno UFO è tutt’altro che una novità, anzi si può dire che è vecchio quanto i voli spaziali, dato che venne descritto anche  da John Glenn durante il primo volo orbitale americano nel febbraio 1962 dove John Glenn affermò di aver avvistato qualcosa simile a delle “lucciole”  attorno alla capsula, tanto che tra gli astronauti ancora oggi ci si riferisce talvolta a questo fenomeno come “lucciole di Glenn”.

Le Misteriose sfere luminose/Ufo che passavano intorno alla capsula di John Glenn

Esiste un file audio visivo dove John Glenn racconta come una grande massa di masse sferiche e luminose che circondavano la capsula e avvolte cambiando direzione. Non ho mai visto niente del genere dice John Glenn, girano attorno alla capsula e sembrano piccole stelle luminose, sembrano delle sfere luminose”.

L'astronauta John Glenn e gli UFO che lo circondano nello spazio
L’astronauta John Glenn e gli UFO che lo circondano nello spazio

Cosa ha visto John Glenn?

Secondo gli ”esperti”  queste misteriose luci che ha visto John Glenn erano semplicemente gli scarichi dei motori del razzo.

Ai non addetti ai lavori può sembrare strano che nel vuoto attorno alle navette spaziali vi siano particelle di ghiaccio in sospensione, ma va ricordato che vi è una lunga serie di attività che ne provocano la formazione.

I motori a idrogeno e ossigeno liquidi danno come prodotto acqua, che nel freddo cosmico si ghiaccia; poi vi è la produzione di elettricità con celle a combustibile, che ancora una volta produce acqua, e poi vi è l’utilizzo di acqua per le attività degli occupanti, nonché la loro produzione sotto forma di urina e sudore. Oggi si cerca di riutilizzare il più possibile questi materiali, ma storicamente essi venivano espulsi nello spazio, dando luogo a vere e proprie fontane d’acqua, che ghiacciava in minuscoli cristalli appena a contatto con il vuoto cosmico.

L'astronauta John Glenn e gli UFO che lo circondano nello spazio
L’astronauta John Glenn e gli UFO che lo circondano nello spazio
 Molti hanno sempre contestato questa spiegazione, adducendo un serie di obiezioni che sarebbe troppo lunga discuterne in questo post.
 L’argomentazione più “forte” è che le sfere di luce, o UFO ( chiamiamole come meglio crediamo) come dimostrato nel video talvolta cambiano  direzione, come se spinte da un motore proprio.
Anche in questo caso però per gli ”esperti” ci sta anche una spiegazione molto semplice: i motori di controllo d’assetto dei veicoli spaziali fanno ogni tanto spostare bruscamente l’osservatore, il quale ha l’impressione di un moto di ciò che galleggia fuori; inoltre la spinta dei razzi può “soffiare” via le particelle di ghiaccio, che sembrano schizzare lontano come spinte da una propulsione propria. Infine le particelle di ghiaccio colpite dal sole tendono a sublimare e a generare una spinta che le fa accelerare in direzione opposta, con un moto non inerziale che può lasciare a prima vista stupiti.
L’astronauta John Glenn e gli UFO che lo circondano nello spazio

Conclusioni

Ok , ma abbiamo un problema nella versione ufficiale degli ”Esperti Nasa” si perchè  è evidente che non può trattarsi di particelle di ghiaccio che orbitano attorno allo shuttle o alla stazione spaziale, per il semplice fatto che quelle “lucciole” sono ad una enorme distanza dalla capsula per essere spinte dai razzi, razzi che oltre tutto si troverebbero dietro e non avanti alla capsula.
Dal filmato, Si vede proprio che “entrano ed escono” dall’atmosfera terrestre. Durante la visione del filmato si potrebbe pensare anche a  semplici asteroidi o robe del genere perchè tutti quei corpi si dirigevano verso la terra. Ma ad un certo punto se ne vedono un paio che seguono una rotta opposta, ovvero vanno dalla Terra verso lo spazio. Quindi, se fossero spinte dai razzi, perchè solo una o due si muovono cambiando direzione oltre tutto direzione opposta l’una dall’altra? Una spinta prodotta dai razzi dovrebbe far cambiare direzione a tutte le sfere luminose e non solo ad una o due..
Cosa sono? Difficile dare una risposta concreta, ma di certo non si tratta di particelle di ghiaccio che orbitano attorno allo shuttle.
Vi lasciamo al video
A cura della Redazione Uníverso7p.it

Votazioni
Creato il
Articolo
L'astronauta John Glenn e gli UFO che lo circondano nello spazio
Autore
51star1star1star1star1star

Leggi anche

Loading...

Leave A Reply

Your email address will not be published.

error: