L’antico testo che descrive come i Nephilim furono cancellati dalla faccia della terra?

0

Questo antico testo descrive come i Nephilim furono cancellati dalla faccia della terra?

Più di 60 anni fa gli scavi nelle grotte di Qumran hanno riportato alla luce quasi un migliaio di antichi rotoli di papiro che offrono importanti squarci del passato del genere umano. Ma gli archeologi rimasero perplessi nel trovare un testo insolito tra i rotoli, un documento che offre indizi sulla scomparsa dei cosiddetti Nephilim che è stato chiamato il “Libro dei Giganti”.
La Bibbia fa diversi riferimenti ai Nephilim, specialmente nel libro della Genesi, ma la maggior parte delle informazioni riguardanti questi giganti provengono dall’antico libro apocrifo di Enoch. Questo testo religioso ebraico molto antico è attribuito al bisnonno di Noè, anche se alcuni studiosi ne hanno datato alcune parti intorno al 300 a.C.

Enoch è un personaggio a dir poco enigmatico. La Genesi stessa ci racconta che visse sulla terra 365 anni, prima di essere preso da Dio:

“camminava con Dio; e non c’era più; Dio lo prese”.

Allo stesso modo, durante il suo tempo, il nostro pianeta era anche abitato dagli “angeli” che interagivano liberamente con gli esseri umani e alla fine causarono una fusione con le “figlie degli uomini”, dando così origine a una razza di ibridi troppo forti e giganteschi, chiamati i Nephilim.
I Nephilim sono stati associati a diverse traduzioni: “gli angeli caduti“, “gli apostati” o “coloro che inducono gli altri a cadere”. Indipendentemente dall’origine del loro nome, i Nephilim sono sempre stati sinonimo di giganti.

Leggi anche : Ecco chi erano i Nephilim

Nephilim e il viaggio cosmico

Il testo dei giganti trovato nelle grotte di Qumran offre una prospettiva diversa da quella del Libro di Enoch. Anche se incompleti, i frammenti del rotolo dipingono un quadro desolante: i Nefilim si resero conto che, a causa dei loro modi violenti e antisociali, andavano incontro a una distruzione imminente e chiesero ad Enoch di mediare per loro davanti a Dio.
Così, inizia descrivendo in dettaglio come i Nephilim hanno devastato la terra, spazzando via ogni essere vivente . Ma quando cominciarono a sperimentare sogni profetici, i loro cuori si riempirono di paura.

nefilim
Nephilim

Il primo ad avere questi sogni fu Mahway, figlio dell’angelo Barakel. Nel suo sogno, ha visto una specie di tavoletta sommersa nell’acqua. Le acque inghiottirono tutti i nomi tranne tre, simboleggiando il diluvio e la conseguente distruzione di tutti i figli di Noè. Tuttavia, questo fatto non era ovvio per i Nephilim, che discutevano il significato del sogno di Mahway, non riuscendo ad interpretare questi segni.

Papiro-Chester-Beatty

Questo manoscritto fa parte dei Chester Beatty Biblical Papyri, in particolare il 3° foglio, di cui conteneva anche un’omelia cristiana sconosciuta attribuita a Melitone di Sardi. Il documento è quasi certamente di origine egiziana. Università del Michigan, Biblioteca di Ann Arbor. (Pubblico dominio)

Poco dopo, altri due giganti, Ohya e Hahya, figli dell’angelo caduto Shemyaza, cominciarono a fare sogni simili, sognando come un albero fosse stato sradicato completamente . Dopo questo, anche il resto del gruppo di giganti cominciò ad avere sogni apocalittici:

“Con questo, due di loro fecero dei sogni e il sogno fuggì dai loro occhi, e si alzarono e vennero a [… e raccontarono] i loro sogni, e dissero nell’assemblea dei [loro compagni] mostri […] Nel mio sogno vedevo proprio questa notte e c’era un giardino […] giardinieri e annaffiavano [… duecento alberi e] grandi germogli uscirono dalla loro radice […] tutta l’acqua e il fuoco bruciarono tutto [il giardino…] Trovano i giganti per raccontare loro il sogno…”

I giganti, comprendendo la natura profetica dei sogni, cercarono l’aiuto di Enoch, ma per loro sfortuna Enoch era già scomparso dalla faccia della Terra, così i Nephilim scelsero uno di loro per intraprendere un viaggio cosmico alla sua ricerca.

“La Caduta dei Giganti” (1531-1533), affresco dipinto da Perino del Vaga (1501-1547) nella Villa del Príncipe a Genova, Italia. 

Mahway] si spinse nell’aria come i forti venti e volò con le mani come le aquile, e lasciò il mondo abitato e passò sopra la desolazione, il grande deserto di […] ed Enoch lo vide e lo salutò, e Mahway disse […] qua e là una seconda volta a Mahway […] i giganti aspettano le sue parole, e tutti i mostri della terra. Se […] è nato […] giorno […] il suo […] e questo aggiungerebbe […] vorremmo conoscere il suo significato […] duecento alberi che cadono dal cielo…”

Purtroppo, alcune parti dei rotoli sono state danneggiate, ma il significato generale del testo è chiaro: uno dei giganti viaggiò fuori dalla terra alla ricerca di Enoch per la sua capacità di interpretare le visioni.

Il testo diventa molto interessante se si sostituiscono alcuni termini e lo si considera non come un racconto allegorico, ma come una descrizione di un evento reale il cui significato si è confuso con il tempo. Se prendiamo in considerazione il volo “con le mani, come le aquile”, come metafora, possiamo creare l’ipotesi che Mahway sia decollato dalla Terra in un’astronave? In questo caso, “Desolazione nel grande deserto” potrebbe riferirsi allo spazio interstellare? Dipende da quanto lontano siamo disposti ad andare da un frammento di pergamena di 2000 anni fa.

Enoch rimanda indietro Mahway, con la promessa di parlare a Dio per lui. Ma purtroppo per i giganti, le tavole che Enoch inviò loro in risposta non portarono buone notizie: Il contenuto del testo dice:

Nel nome di Dio il grande e santo, a Scemiaza e a tutti [i suoi compagni…]: Perché non sappia […] le cose che hai fatto, e le tue mogli […] loro e i loro figli e le mogli dei [loro figli] con la tua licenziosità sulla terra, e c’è stato su di te [… e la terra sta piangendo] e si lamenta di te e delle opere dei tuoi figli […] il danno che le hai fatto. […] Finché non verrà Raffaele, ecco, la distruzione [sta arrivando, un grande diluvio, e distruggerà tutti gli esseri viventi] e tutto ciò che è nei deserti e nei mari. E il significato del messaggio […] a voi sul male. Ma ora, sciogliete i legami che vi legano al male… e pregate”.

Il testo non menziona se i Nefilim pregarono Dio o meno, ma sta di fatto che dopo il diluvio universale, secondo gli esperti, non vi sia più traccia nei seguenti testi.

Loading...
CopyAMP code
Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

error: