la guerra del gas è già iniziata, la Russia riduce le forniture a Polonia e Germania

1

la guerra del gas è già iniziata, la Russia riduce le forniture

I segnali che provengono da Mosca sono inquietanti, come quelli, del resto, che provengono dalla Casa Bianca, infatti l’incedere degli eventi sembra ben lontano dall’arrestarsi, visto chePutin, come riportato dal quotidiano la Repubblica, punta al nucleare come deterrente, felice come una pasqua della riuscita delle esercitazioni che hanno visto colpire un bersaglio in un poligono della Kamchatka da parte di un sommergibile atomico russo situato nel mare del Nord, testimonianza di piano per aumentare la potenza nucleare della Russia.

La Polonia, ha annunciato che Gazprom, martedì scorso, ha ridotto del 24% le forniture di gas, e questo non fa ben sperare per la stagione autunno/inverno, aspettiamoci quindi una escalation in tal senso, perché la sensazione è che i russi abbiano il coltello dalla parte del manico, visti anche gli accordi trentennali recentemente sottoscritti con la Cina, inoltre anche la Germania, attraverso il colosso energetico E.ON, segnala una sospetta riduzione del gas dalla Russia senza riuscire a quantificarne l’entità.

Occhio per occhio rende il popolo cieco, l’ignoranza umana ha bisogno di essere esternata per poi potersi rendere conto attraverso gli effetti, della necessità di riorientare le coscienze nella direzione dell’unione dei cuori, ma mi sa che sia ancora presto, le ferite dovranno essere più profonde, e la malattia dolorosa per rinsavire da questa spirale di odio.

Il futuro, in ogni caso, non è mai immutabile, quindi forza e coraggio che la Vita è più forte, e la natura umana piena di risorse, capace di dare il meglio nei momenti di maggiore difficoltà.

Leggi anche

1 Commento
  1. Orazio dice

    Mah, mi sembra invece che le cose stiano un po diversamente.
    Curioso che non si sappia che la Polonia ha fatto il reverse del gas in arrivo dalla Russa, alla nazione Ucraina.
    E’ ovvio osservare che stante la quantità fissa elargita dalla Russa, se uno la dirotta in un altro stato, ad altri mancherà… Anche l’Austria ha segnalto la riduzione delle forniture.
    Poi che tutto sia alla fine comprensibile… anche alla luce delle sanzioni emerse dagli usa e da questi imposte ai sudditi europei e da questi alla Russia.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

error: