martedì, Maggio 26, 2020
Home scienza La prima città su Marte è progettata da una ricercatrice italiana

La prima città su Marte è progettata da una ricercatrice italiana

Il progetto di Valentina Sumini immagina un complesso di costruzioni che dovrà ospitare la prima colonia umana sul pianeta rosso. Una serie di cupole bianche che complessivamente potrebbero ospitare fino a diecimila persone in un sistema di tunnel sotterranei, che si dipanano come le radici degli alberi

Valentina Sumini guidava, insieme a una professoressa del Mit dove fa ricerca, il team che ha progettato un modo per portare la vita umana su Marte. Una sfera-foresta che si è aggiudicata il concorso «Mars City Design Competition 2017», incentrato sulle città sostenibili su Marte da costruire nel prossimo secolo e sponsorizzato dalla Nasa.

La prima città su Marte è progettata da una ricercatrice italiana

- Advertisement -

Ha 32 anni, è di Alessandria e da molto tempo studia, lavora e vive a Boston, perché è ricercatrice del Massachusetts Institute of Technology (Mit), dove è nato il progetto che è piaciuto alla Nasa e che permette di vivere sul pianeta rosso. Ci sono voluti cinque mesi di studio, precisissimo, per creare «Redwood Forest», foresta di sequoie, che immagina un complesso di costruzioni che dovrà ospitare la prima colonia umana sul pianeta rosso.

Una serie di cupole bianche che complessivamente potrebbero contenere fino a diecimila persone in un sistema di tunnel sotterranei, che si dipanano come le radici degli alberi. «Ogni cupola sarebbe autosufficiente utilizzando il ghiaccio, la terra e il sole per produrre tutto il necessario a vivere», ha spiegato Valentina Sumini, che adesso sta lavorando a un prototipo in scala.

La prima città su Marte è progettata da una ricercatrice italiana
La prima città su Marte è progettata da una ricercatrice italiana

,

Oltre alla connettività tra le cupole, le «radici» che le collegano offrono agli abitanti protezione da radiazioni cosmiche, impatti di micro-meteoriti e variazioni termiche estreme. «Ogni habitat è unico e contribuisce a una diversa foresta di spazi urbani – ha spiegato -. Il progetto è stato realizzato attraverso tecniche computazionali avanzate che hanno reso possibile un’estrema eterogeneità nel design di ogni singolo habitat. Ogni albero infatti è diverso dall’altro e, al tempo stesso, ottimizzato dal punto di vista strutturale e ambientale proprio per riprendere quella varietà che è intrinseca nella natura».

di VALENTINA FREZZATO

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Ultimi articoli

Russia: scoperta una presunta Piramide simile alla Grande Piramide d’Egitto

Un gruppo di turisti appassionati di spedizioni nel nord della Russia hanno presumibilmente scoperto un'enorme montagna con la forma esatta della...

La Cina punta Marte e i suoi misteri con una missione a luglio

La Cina verso Marte con una sonda che ha il compito di esplorare i Misteri di Marte Marte rimane un...

Enochiano: Il misterioso linguaggio perduto degli angeli

Il linguaggio perduto degli angeli chiamato ENOCHIANO Da secoli gli esseri umani hanno avuto diverse lingue parlate e scritte,...

Scoperte Misteriose stanze sotto al Muro del Pianto

Una sensazionale e misteriosa scoperta sotto il Muro del pianto di Gerusalemme Un gruppo di ricercatori che hanno effettuato degli...

Registrate Anomalie nel campo magnetico terrestre

Secondo gli scienziati il campo magnetico terrestre sta cambiando di intensità Le anomalie del campo magnetico terrestre rilevate dagli...

X-37B: Il misterioso aereo spaziale parte per una missione segreta

Il misterioso aereo spaziale dell'esercito americano X-37B è di nuovo in orbita , ma la sua missione non è dovuta a saperlo

L’uomo di Marree: Il misterioso gigante visibile dallo spazio.

L'Uomo di Marree: un mistero ancora da svelare A 20 anni dalla sua scoperta,L'Uomo di Marree continua ad essere...
error: