Il SETI ha captato 72 nuovi e misteriosi segnali provenienti dalla galassia

0

Il SETI ha captato 72 nuovi e misteriosi segnali provenienti dalla galassia

Una scoperta eccezionale quella fatta dai  ricercatori dell’università della California a Berkeley  che hanno captato 72  nuovi e misteriosi segnali dalla galassia  distanti 3 miliardi di anni luce dalla Terra.

Tutto questo grazie ai responsabili del progetto che presero in affitto i due radiotelescopi più un terzo telescopio sensibile alle radiazioni laser per la ricerca mirata di segnali extraterrestri.

La fonte del segnale, che viene indicata dagli studiosi come FRB 121102, è unica, dà regolarmente dettagli radio di questo tipo. I segnali rilevati rappresentano dettagli, ma anche tangibili radio impulsi. Qualcosa di simile è stato osservato dagli scienziati nel 2007, ma solo ora hanno l’attenzione dei ricercatori.

 Ci sono diverse teorie sull’origine dei segnali, una di loro suggerisce anche che i segnali vengono inviati da un’entità ragionevole extraterrestre. L’anno scorso gli scienziati dell’università di Harvard hanno ipotizzato che gli impulsi possono essere perdite di energia costruiti da civiltà extraterrestri con potenti trasmettitori, il cui obiettivo è l’attuazione di missioni spaziali interstellari.

Gli scienziati suggeriscono che per tali spedizioni può essere utilizzato il principio cosiddetto di luce o del sole. Un po ‘ di pressione generata dalla luce (fotoni), può dare una debole, ma costante accelerazione, che in teoria permette di distanziare il veicolo al fine di raggiungere la velocità.

Il SETI ha captato 72 nuovi e misteriosi segnali provenienti dalla galassia

Un passo avanti notevole, che si è meritato una pubblicazione sull’Astrophysical Journal, da cui tuttavia si evince che i segnali non vengono ricevuti in alcun tipo di pattern che si possa determinare, perché nessuno è più lungo di 10 millisecondi.

via GIPHY

Questo significa che per ora le informazioni a nostra disposizione non ci permettono di determinare se i segnali provengano o meno da civiltà aliene, ma almeno siamo entrati in possesso di informazioni che ci possono aiutare a capire il comportamento dinamico degli FRB. E che indicano come l’uso dell’apprendimento automatico per rilevare i segnali sia migliore rispetto agli algoritmi classici.

Nel 1999, gli scienziati dell’università della California ha deciso di coinvolgere nel SETI tutti. È stato sufficiente installare sul proprio personal computer il pacchetto di programmi per decifrare i segnali ricevuti dal radiotelescopio. All’appello degli scienziati hanno risposto circa cinque milioni di appassionati provenienti da 200 paesi nel mondo. A ciascuno di loro è stata permessa la partecipazione al progetto, è costato molto poco, ma che, secondo alcune stime, hanno consumato energia elettrica per oltre un miliardo di dollari.

A cura di universo7p

Leggi anche

Loading...

Leave A Reply

Your email address will not be published.

error: