Il pilota Carlos Antonio e i tre Ufo

0

Il pilota Carlos Antonio e i tre Ufo

Sono migliaia le segnalazioni di avvistamenti UFO raccolti da investigatori, agenzie civili ,ufficiali, ma quelli più interessanti sono quelli che coinvolgono i piloti di aerei ,uno dei casi più famosi di incontro ravvicinato  in questa categoria è  il caso di Carlos Antonio de losSantos Montiel circondato da tre Ufo.

Il 2 maggio 1974, Carlos Antonio de losSantos Montiel, 23 anni, lasciò Città del Messico sul suo Piper Aztec 24,registrato come XB-XAU, per Zihuatenajo, stato di Guerrero. Arrivò nel pomeriggio e anche se aveva inizialmente previsto di tornare in quel giorno, decise di rimanere e tornare il 3. Cenò alle 08:00 e si ritirò.

La mattina del 3 , il cielo era nuvoloso con nebbia e  visibilità molto scarsa. Carlos decollò comunque, alle ore 10.30, senza aver fatto colazione. Portò il suo piccolo aereo a 13.500 piedi, ma le condizioni meteo erano ancora pessime e così salì a 14.500 dove trovò un cielo azzurro e continuò il suo viaggio di ritorno a Città del Messico.

Arrivando nella zona di Tequesquitengo, Carlos decise di perdere quota in modo da avere un contatto visivo con il Lago Tequesquitengo e verificare la sua posizione, invece di dipendere da suoi strumenti. Quando scese sotto la coltre di nubi, la foschia e la nebbia al suolo bloccavano la sua visione del lago. Poi le cose cominciarono ad accadere.

Il pilota Carlos Antonio e i tre Ufo

 

Quando guardò da sinistra (stava guardando attraverso il finestrino a sinistra) a fronte , si accorse di qualcosa alla sua destra e guardò in quella direzione e fu scioccato nel vedere un oggetto con l’apparenza di due piastre unite insieme al centro con una cupola che aveva quello che sembrava essere una piccola finestra e un’antenna in cima. Si è posizionato a 20 centimetri sopra la superficie dell’ala e circa 1 1/2 metri dalla cabina del Piper. Uno sguardo indietro a sinistra rivelò un altro oggetto uguale nella stessa posizione al di sopra della fascia sinistra.

Il pilota Carlos Antonio

“Ero pietrificato,” Carlos disse ai funzionari più tardi, “dopo aver visto un terzo oggetto che sembrava sul punto di scontrarsi frontalmente con il parabrezza. Ma andò sotto l’aereo e sentiì uno strano rumore dal basso come se fosse entrato in collisione con la parte inferiore dell’aereo. ”

Diagramma spiegare la posizione dei 3 oggetti in relazione al piano di Carlos '

Carlos notò poi che la sua velocità era diminuita da 140 miglia nautiche per ora a 120 ( da 225 Km/h a 193 Km/h). Cercò di virare a sinistra, nel tentativo di “scrollare” l’oggetto dal suo aereo, ma i controlli erano bloccati e non rispondevano. Cercò di abbassare il carrello di atterraggio, nella speranza di eliminare l’oggetto sotto di lui, ma senza risultati.

L’investigatore APRO (Aerial Phenomena Research Organization) del campo, Fernando J. TellezPareja, ascoltò il nastro registrato della conversazione tra Santos e la torre di controllo dell’aeroporto internazionale di Città del Messico , che Carlos aveva avviato dopo aver scoperto i suoi controlli erano congelati:

Carlos: Centro Messico , extra bravo extra alfa union. Mayday! Mayday! (Nota a cura di: “Mayday” è un segnale di soccorso internazionale.)

Città del Messico: Avanti, extra bravo extra alfa union. (Qui il pilota ripete il suo appello per due volte – a quanto pare lui non aveva sentito risposta a Città del Messico.) Centro Mexico qui, da extra alfa unione.

Carlos: Extra alfa union a centro del Messico. Il mio aereo è fuori controllo – non ho alcun controllo su di esso – Ho tre oggetti volanti non identificati attorno a me. Ho tre oggetti volanti non identificato attorno a me, uno è passato sotto il mio aereo e lo ha colpito. Il carrello è bloccato e i controlli non rispondono. La mia posizione – sono sulla radiale 004 dal VOR Tequesquitengo – non sto controllando l’aereo – Centro Messico, mi sentite?

Centro Messico: Prendere nota extra alfa union, dammi la tua posizione e la tua situazione. Stiamo contattando le autorità competenti e (qui interrotta da Carlos di nuovo)

Carlos: L’aereo è fuori controllo.

ecco L’audio originale

A questo punto, Mexico City International Airport chiuse le piste al traffico e si prepararono per l’atterraggio di emergenza previsto. Gli oggetti continuarono a mantenere la posizione sul XB-XAU,esercitando il controllo completo del velivolo.

La chiamata del “Mayday” o di emergenza venne ricevuta alle ore 12.15 di Sabato, 3 maggio. La torre di controllo contattò Ignacio Silva la Mora (zio di Carlo), un’autorità a bordo degli aerei, che fu messo in contatto con Carlos via radio per analizzare il problema e aiutarlo con i preparativi di atterraggio.

Quando Carlos raggiunse il punto di navigazione Ajusco , gli UFO avevano elevato l’aereo da 15.000piedi (l’altitudine mentre si trovava sopra Tequesquitengo) a 15.800 e poi, uno ad uno, se ne andarono. Per primo l’oggetto sopra la sua ala sinistra si lzò fino a che non fu sopra la cabina, poisopra l’oggetto sulla fascia destra, e quindi questi due volarono via e si persero in direzione dei vulcani Popocatepetl e Iztaccihuatal. I controlli del velivolo tornarono immediatamente normali e Carlos riprese il controllo.

Carlos poi tentò di abbassare il carrello di atterraggio, girando sul Mexico City International Airportotto volte, in contatto radio per accertare se era successo. Infine, dopo 40 minuti di cerchio mentre lavorava sulla torretta di comando con un cacciavite, riusciì ad abbassare le ruote ed è atterrò alle ore01:34 sul prato tra la pista 5 a destra e 5 a sinistra per i veicoli di emergenza, tra cui vigili del fuoco e ambulanza, stavano aspettando.

Dopo l’atterraggio, Carlos venne portato alla clinica aeroporto fu accuratamente esaminato e venne trovato normale e in forma. Alcuni individui avevano lasciato intendere che avrebbe potuto essere sotto l’influenza di droghe o alcool, ma la visita medica di cui che la speculazione a riposare.

Due giorni dopo l’incidente, il capitano Augusto Ramirez Altamirano (capo degli ispettori della regione per la Direzione dell’Aeronautica Civile) disse che Carlos avrebbe dovuto sottoporsi a una serie di test per determinare se avesse davvero visto gli UFO o se fossero stati un’illusione dovuta al volo ad alta quota in assenza di ossigeno.

Il 7 maggio, il dottor Luis Amezcua, Capo del Dipartimento di medicina aeronautica del Mexico City International Airport, concluse una serie di test medici (neurologiche, fisiche e psichiatriche, ecc) e diede il suo parere che Carlos aveva sofferto di mancanza di zucchero nel sangue perché non aveva mangiato dalle 8 di sera la notte prima fino a dopo l’incidente il giorno dopo e ne ha dedotto che Carlos aveva avuto un’allucinazione .

L’investigatore Telles intervistò il testimone ed il responso fu che: Carlos de los Santos di anni 23, è stato pilota per due anni, ha 370 ore di volo al suo attivo, aveva la licenza di pilota privato e commerciale. Era ‘impiegato da Pelletier S.A, una società specializzata in analisi e lo studiodell’acqua. Suo padre era capo meccanico della Mexicana de Aviacion Airlines. Carlos non fumava né beveva , non era interessato a fantascienza e non ha mai letto un libro sugli UFO.

Per quanto riguarda la conferma del radar , il signor Julio Cesar Interian Diaz, controllore al Mexico City International Airport , disse che la distanza da Tequesquitengo a Città del Messico era di 48miglia nautiche e che il blip dell’aereo di Carlos era stato segnalato sul radar quando si trovava a 43 miglia su Città del Messico. L’aereo di Carlos era l’unico in quel settore in quel momento. Il radar registrò la separazione di un altro blip che si diresse in un’altra direzione dall’aereo di Carlos ‘,eseguendo un giro di 270 gradi in un raggio di 3 o 4 miglia a una velocità di 450-500 miglia all’ora (805 Km/h). Il signor Interian Diaz disse che non sapeva quale aeromobile era in grado di eseguire tale manovra.

Un’approfondita indagine venne condotta da un ingegnere aeronautico, con l’aiuto dell’investigatore Fernando Telles.
Per quanto riguarda la teoria relativa alla bassa reazione di zucchero nel sangue: Carlos non presentava nessuno dei sintomi di ipoglicemia (zucchero nel sangue):. Torpore, irritabilità,sovrappeso se fosse effettivamente stato un ipoglicemico e soffriva di allucinazioni , la paura avrebbe innescato un rilascio di adrenalina nel suo sangue che avrebbe, a sua volta, ha innescato un elevato flusso di insulina, con conseguente shock, nel qual caso egli non sarebbe stato in grado di fare atterrare l’aereo.

Le intimidazioni

Se questo non è sufficiente per rendere questo caso  un eccezionale incontro ravvicinato del secondo tipo, c’è  la ciliegina sulla torta ufologica: Carlos Antonio inizialmente ricevuto minacce quando ha cercato di rendere pubblica la sua storia. La prima apparizione è stata programmata per fare era nel programma televisivo Un Mundo nn Vigila (Un mondo sta guardando noi) ma  Carlos non è mai arrivato in studio.

Quella notte, quando Ferris ha telefonato il giovane pilota di lamentarsi della sua mancanza la nomina TV, Carlos ha spiegato che il suo modo di studio la sua auto è stato intercettato da due a vernice nera, automobili Ford recanti targhe diplomatiche, e fuori di loro è venuto quattro individui che indossano abiti neri.

Gli uomini avevano capelli biondi, lineamenti caucasici, senza peli sul viso, e, ancor più sorprendentemente,  sembravano tutti completamente identici.

 

Uno dei “Men in Black ‘infilò la testa dentro macchina Carlos’ e disse:” se apprezzate la vostra vita e quella della vostra famiglia, non dire nulla, “la sua faccia era inespressiva, e le parole furono dette con un perfetto spagnolo accento, anche se con uno strano tono ‘meccanico’.

L’ufologo condito assicurato il giovane uomo spaventato che, anche se l’identità e l’origine del MIB era ancora un mistero, le loro minacce mai pari a alcun danno reale per i testimoni UFO che intendevano intimidire. Per essere onesti, il libro di Nick Redfern Incontri ravvicinati del tipo Fatal era ancora diversi decenni oltre l’orizzonte

Pedro Ferriz (1921-2013)

Pedro Ferriz (1921-2013)

Ferriz convinto Carlos Antonio di provare di nuovo per un’altra intervista televisiva, che ha coraggiosamente accettato. Ferriz anche organizzato un incontro privato con il suo buon amico e collega Dr. Allen Hynek, che aveva viaggiato in Messico espressamente per intervistare il testimone di questo caso eccezionale in persona. Si sono incontrati a Hynek camera d’albergo, e interrogato Carlos per quasi undici ore. Una riunione finale è stata convocata per il giorno successivo alle 9:00 per andare oltre alcuni ultimi dettagli prima della partenza di Hynek, ma Carlos Antonio non è mai arrivato e l’ufologo americano è tornato negli Stati Uniti.

Tre giorni dopo, il pilota ha telefonato Ferriz per confermare i sospetti di Hynek che era stato minacciato per la seconda volta e in effetti, Carlos ha detto l’investigatore messicano come era stato intercettato nella hall dell’hotel da una delle stesse persone terribili che aveva incontrato prima, che gli ricordava che questa era la seconda volta che era stato detto di tenere la bocca chiusa. Con un freddo, sguardo penetrante, il MIB ha ordinato Carlos di girarsi e andarsene, cosa che fece. Come risultato di questo, Ferriz pensato che fosse meglio non cercare il giovane per un po

Leggi anche

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

error: