Il Misterioso segnale rilevato dal telescopio spaziale XMM proviene dalla materia oscura?

0

Il segnale rilevato dal telescopio spaziale XMM proviene dalla materia oscura?

Un interessante articolo pubblicato su  scientificamerican.com  apre le porte ad una teoria affascinante. sull’anomala radiazione X rilevata dal telescopio spaziale XMM–Newton dell’Agenzia spaziale europea , alcuni astronomi suggeriscono che  potrebbe essere un segnale della materia oscura, la sostanza invisibile che costituisce l’85 per cento della materia dell’universo. L’anomala radiazione X, rilevata dal telescopio spaziale XMM–Newton dell’Agenzia spaziale europea (ESA), ha origine da due sorgenti diverse: la galassia di Andromeda e l’ammasso di galassie di Perseo. Ora la sfida è determinare che cosa abbia prodotto questi raggi X, come descritto in uno studio pubblicato il mese scorso sulle “Physical Review Letters”.

L’ astrofisico dell’Università della California  IrvineKevork Abazajian,  conferma che Il segnale è reale ma è debole, rimane  agli astronomi  determinare se è fuori dall’ordinario o ha una spiegazione ordinaria. Se questo fosse possibile, gli astronomi potrebbero  identificare quale tipo di materia oscura potrebbe essere responsabile del segnale. “Se in definitiva l’emissione è dovuta alla materia oscura, le implicazioni sono profonde.

Il telescopio spaziale Fermi della NASA ha rilevato  della Via Lattea raggi gamma anomali, interpretati da qualcuno come particelle di materia oscura che collidono tra loro e si annichilano. La differenza tra le osservazioni di Fermi e quelle di XMM–Newton riguarda l’energia della luce coinvolta, che è collegata alle masse delle ipotetiche particelle di materia oscura da cui sarebbe stata generata. I raggi gamma di Fermi sono oltre un milione di volte più energetici rispetto ai raggi X, così le particelle che avrebbero creato i raggi gamma sarebbero più massicce di un protone.

I raggi X hanno un’energia di circa 3,5 chiloelettronvolt, corrispondenti a meno di un centesimo della massa dell’elettrone. Tuttavia, se quello rilevato da XMM–Newton è segnale di materia oscura, potrebbe non essere dovuto alle particelle massicce debolmente interagenti (WIMP), che nel ruolo di costituenti della materia oscura sono le candidate più popolari tra i ricercatori

è molto difficile escludere altre possibili sorgenti di raggi X. Gli atomi emettono luce di specifiche energie in funzione della configurazione dei loro elettroni, ma i fisici non hanno identificato tutte queste energie, specialmente per raggi X. In altre parole, è possibile che questo segnale non identificato possa essere solo una nuova riga di emissione di atomi ordinari o di plasma ad alta temperatura, anche se gli autori dell’ultimo studio ritengono che l’ipotesi del plasma non sia probabile, poiché la Via Lattea ne contiene una quantità relativamente piccola.

Adam Falkowski fisico delle particelle del CNRS-Università di Parigi Sud, sostiene che accettare o meno la spiegazione della materia oscura dipende da come è modellata l’emissione del plasma: “Sembra che il diavolo si nasconda nei dettagli, il che non è rassicurante”.

Un lancio  previsto per quest’anno dall’Agenzia spaziale giapponese chiamato Astro-H, avrà strumenti di precisione sufficiente a distinguere tra emissioni atomiche e firme della materia oscura. E avere più dati è sempre meglio; scoprire altre galassie e ammassi di galassie, specialmente quelle più lontane, con lo stesso tipo di emissione X potrebbe limitare le possibilità in gioco.

Leggi anche

Loading...

Leave A Reply

Your email address will not be published.

This website uses cookies to improve your experience. We'll assume you're ok with this, but you can opt-out if you wish. Accept

Privacy & Cookies Policy
error: