Elon Musk: Bombardare Marte con testate nucleari per renderlo abitabile

1

Bombardare il pianeta rosso con testate nucleari per renderlo abitabile

Elon Musk, di SpaceX e Tesla, ha ancora intenzione di lanciare bombe nucleari su Marte per trasformarlo in un pianeta vivibile per gli umani

Bombardando i poli del pianeta rosso, sarebbe possibile far fondere l’anidride carbonica delle calotte, da cui si sprigionerebbero dei gas capaci di ispessire e riscaldare l’atmosfera e permettere così la presenza di acqua allo stato liquido. Si creerebbe quindi una sorta di effetto serra su Marte.

Leggi anche Alternative 3: esperimento segreto per cambiare il clima su Marte 

Una idea che in passato aveva ispirato l’associazione Explore Mars, che voleva  bombardare Marte per esplorarne le Sue Profondità per dare conferma che su Marte ci possa essere stata la vita.

L’associazione No Profit, Explore Mars, aveva avviato una raccolta fondi per poter bombardare il pianeta rosso ed andare a visitare le sue profondità. La curiosità dell’uomo non conosce limiti e la voglia di sapere a volte prende il sopravvento facendo venire in mente queste ”pazzie”.

bombardare il pianeta rosso con testate nucleari per renderlo abitabile
bombardare il pianeta rosso con testate nucleari per renderlo abitabile

Il progetto nello specifico consiste nello sparare missili sulla crosta marziana, con all’interno strumenti progettati per esaminare le viscere e, naturalmente resistere all’impatto e trasmettere tutto sulla Terra via Radio. Non sappiamo se riusciranno a compiere questo folle gesto ma vi terremo informati a riguardo.

A cura di universo7p

Leggi anche

1 Commento
  1. Luca dice

    Gli extraterrestri ci stanno fregando dell’acqua e meno male visto che il livello del mare sale..
    La portassero su marte i plancton produrrebbero ossigeno.
    Si piantassero dei pini non sarebbe male.
    130 anni si potrebbe respirare.
    Possiamo spostare il pianeta più vicino a noi..
    Ne avevano parlato.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

error: