IL FOLLE PROGETTO DELL’OMS: SEPARARE LE FAMIGLIE E “DEPORTARE” GLI INFETTI

0

DALL’OMS PROGETTO FOLLE: SEPARARE LE FAMIGLIE E “DEPORTARE” GLI INFETTI

Il Dottor Michael Ryan, Direttore esecutivo del programma d’emergenza dell’Organizzazione mondiale della sanità, la scorsa settimana ha rilasciato delle dichiarazioni dove ha lasciato perplessi molti ascoltatori. Il Messaggio inviato è chiaro: il virus si sta spostando dalle strade alle case, nelle famiglie. Diventa fondamentale quindi isolare le persone infette. Come si sono chiesti in molti? Andandole a prendere in casa per portarle in luoghi sicuri.

IL FOLLE PROGETTO DELL'OMS SEPARARE LE FAMIGLIE E DEPORTARE GLI INFETTI
IL FOLLE PROGETTO DELL’OMS SEPARARE LE FAMIGLIE E DEPORTARE GLI INFETTI

Dichiarazioni gravissime, non casuali, totalmente ignorate da Tv e giornali, tranne negli Stati Uniti secondo Fox Tv.

La scorsa settimana, il Dr. Michael Ryan, leader dell’Organizzazione mondiale della sanità, ha annunciato che, in risposta alla diffusione di questo virus, le autorità potrebbero dover entrare nelle case delle persone e rimuovere i familiari, presumibilmente anche con la forza.

Al termine del servizio è lo stesso giornalista americano a voler commentare ma basterebbe la sua espressione per capire la gravità delle affermazioni.

“Come avete appena sentito, verranno nelle nostre case, prenderanno i nostri figli e, cito: «Li isoleremo in modo sicuro e dignitoso». Qualsiasi cosa significhi, questo non è qualcosa che, in circostanze normali, i funzionari si lasciano scappare casualmente durante la conferenza stampa”.

Le dichiarazioni del Dr. Michael Ryan

In un certo senso il contagio è stato eliminato dalle strade ed è passato all’interno delle famiglie a causa del blocco emesso f´dai governi . Adesso dobbiamo osservare all’interno delle famiglie per individuare i malati, rimuoverli e isolarli in modo sicuro e dignitoso”.

Sotto vi lasciamo il video di tutta la ricostruzione creata dal canale Byoblu

Loading...
CopyAMP code

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

error: