Gli scienziati elaborano un protocollo di lingua aliena per un eventuale contatto con gli extraterrestri

1

L’idea è quella di creare una lingua aliena per comunicare con gli extraterrestri

Per gli scienziati l’esistenza di vita intelligente oltre la Terra visto la vastità dell’universo è certa, ma ora la domanda posta è: l’umanità in caso di un contatto, è pronta nel stabilire una comunicazione sicura e responsabile con gli extraterrestri?

Secondo una recente dichiarazione rilasciata dall’Università di St Andrews, in Scozia, un gruppo di scienziati sta lavorando ad un protocollo di comunicazione che ha lo scopo di riuscire a comunicare con gli extraterrestri.

Secondo il ricercatore e coordinatore del Centro di ricerca per l’intelligenza extraterrestre (SETI) John Elliot l’umanità deve essere pronta nel riuscire a comunicare con gli Alieni perchè il momento per farlo è adesso.

Dobbiamo andare oltre la riflessione sull’impatto dell’umanità ed accettare il fatto che esistano altre forme di vita intelligente nell’universo. Dobbiamo coordinare le nostre conoscenze non solo per valutare le prove, ma anche per considerare la risposta sociale umana, man mano che la nostra comprensione progredisce. Dice John Elliot

Una lingua aliena

Una delle sfide più grandi per questo gruppo di ricercatori sarà quella di creare un linguaggio di base che ci permetta di comunicare con gli extraterrestri: “Esplorare i segnali di presunta origine extraterrestre alla ricerca di strutture linguistiche e attribuire loro un significato è un processo che richiede molto tempo, durante il quale le nostre conoscenze progrediranno di molti passi man mano che impareremo a conoscere gli ‘extraterrestri'”, ha aggiunto Elliot

lingua aliena

Abbiamo procedure ed enti che si occupano della minaccia rappresentata dagli impatti degli asteroidi sulla Terra, ma non esistono istituzioni concrete per contattare gli alieni.

“Non possiamo essere impreparati”.

L’idea è di lavorare su questioni che vanno dalla “decrittazione dei messaggi” e dall’analisi dei dati allo sviluppo di “protocolli normativi, legislazione spaziale e strategie di impatto sociale”.

“Riceveremo mai un messaggio da E.T.? Non lo sappiamo. Né sappiamo quando accadrà. Ma sappiamo che non possiamo permetterci di non essere preparati ad un tale evento- né scientificamente, socialmente e nemmeno politicamente – per un evento che potrebbe diventare realtà già domani e che non possiamo permetterci di gestire male”, ha concluso Elliott.

A cura di Universo7p

Loading...
CopyAMP code
1 Commento
  1. zangrando giovanni dice

    Bene ma io leggo e vedo molti video dove sono venuti incontri con gli umani comunicno metalmente leggono la mente .Che siano superiori noi è una cosa certa .Ci visitano da molti secoli e credo che siamo loro creature .
    Ringrazio che siete presenti con molte interessanti informazioni

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

error: