mercoledì, Febbraio 28, 2024
HomeMisteriGli antichi in Mesopotamia conoscevano il Magnetismo terrestre

Gli antichi in Mesopotamia conoscevano il Magnetismo terrestre

Svelate le Firme Antiche: Tavole d’Argilla e l’Anomalia Geomagnetica

Uno studio recente pubblicato su Pnas ha rivelato che antiche tavole d’argilla provenienti dalla Mesopotamia nascondono segreti legati a un’enigmatica anomalia nel campo magnetico terrestre, risalente a oltre tremila anni fa. Il team dell’Ucl Institute of Archaeology ha aperto una finestra temporale sul passato, fornendo agli archeologi uno strumento innovativo per datare manufatti antichi e per approfondire la comprensione della durata dei regni degli antichi sovrani.

Il Cuore Invisibile del Pianeta: Il Campo Magnetico Terrestre

Il campo magnetico terrestre, generato dalla dinamo nel nucleo terrestre, rappresenta una difesa invisibile contro le particelle cariche del vento solare. Nonostante non sia visibile o udibile, il suo ruolo cruciale per la vita sulla Terra è indiscutibile. Nel corso dei secoli, la sua intensità ha oscillato, lasciando tracce nei minerali sensibili a tali variazioni.

Archeologia Magnetica: Tavole d’Argilla come Testimoni del Passato

Matthew Howland e il suo team hanno analizzato 32 tavole d’argilla provenienti da siti archeologici della Mesopotamia, datandole tra il 1050 e il 550 a.C. Utilizzando un magnetometro, hanno misurato la forza del campo magnetico impressa nei grani di ossido di ferro presenti nelle tavole, rivelando una mappa dei cambiamenti nel campo magnetico terrestre nel corso dei secoli.

L’Anomalia dell’Età del Ferro Levantina: Un Capitolo Misterioso

L’analisi ha rivelato l’esistenza di un’“anomalia geomagnetica dell’età del ferro levantina,” un periodo in cui il campo magnetico raggiungeva valori insolitamente elevati, come dimostrato dalla tavola B185, risalente all’epoca del re Sennachecherib. Questo capitolo misterioso, compreso tra il terzo e il primo millennio a.C., offre nuove prospettive sulla comprensione di antiche dinamiche terrestri.

Archeomagnetismo: Una Rivoluzione nella Datazione degli Antichi Manufatti

Mark Altaweel, co-autore dello studio, sottolinea l’importanza di questo lavoro nel fornire una base di riferimento per la datazione di materiali archeologici. La datazione archeomagnetica, basata sui cambiamenti nel campo magnetico terrestre nel tempo, si rivela un nuovo strumento prezioso per gli archeologi, superando le limitazioni di altri metodi.

magnetismo terrestre tavole argilla

Il Tempo Svelato: Rapide Variazioni del Campo Magnetico

L’indagine ha rivelato anche variazioni significative nel campo magnetico in periodi relativamente brevi, come nel regno di Nabucodonosor II, in cui i valori sono passati rapidamente da 69 a 85 microtesla. Questa scoperta supporta l’ipotesi di picchi d’intensità magnetica in tempi rapidi.

Un Nuovo Capitolo per la Storia Antica

Lisa Tauxe, geofisica presso la University of California San Diego, sottolinea l’opportunità senza precedenti offerta dalle tavole d’argilla per studiare le variazioni nell’intensità del campo magnetico con una risoluzione temporale elevata, contribuendo così a gettare nuova luce sulla cronistoria dell’antica Mesopotamia.

Risvolti Storici: La Cronistoria Affinata di Antichi Regni

Gli archeologi, sfruttando questa ricca fonte di dati archeomagnetici, possono ora affinare la cronologia degli antichi regni mesopotamici. Mappando le variazioni del campo magnetico terrestre nel tempo, si apre un nuovo capitolo nella comprensione storica di sovrani e dinastie, offrendo una prospettiva più precisa sulla durata dei loro regni.

Archeologia e Scienze della Terra: Un Connubio Innovativo

L’intersezione tra archeologia e scienze della Terra, evidenziata da questa ricerca, rappresenta una sinergia innovativa. Le tavole d’argilla, apparentemente semplici nel loro scopo originario, si rivelano ora testimoni preziosi dei segreti custoditi nel sottosuolo, contribuendo a unire le conoscenze archeologiche con le dinamiche geofisiche del nostro pianeta.

Verso Nuove Scoperte: Il Futuro dell’Archeologia Magnetica

Il lavoro pionieristico condotto dall’Ucl Institute of Archaeology apre la strada a ulteriori ricerche nell’ambito dell’archeologia magnetica. La tecnologia moderna, come il magnetometro, si candida a diventare uno strumento indispensabile per gli archeologi del futuro, consentendo una visione sempre più nitida delle tracce del passato impresso nelle tavole d’argilla e nei manufatti antichi.

Dal Mistero alla Conoscenza: Il Magnetismo Terrestre Rivela la Sua Storia

In conclusione, il magnetismo terrestre, una forza invisibile ma onnipresente, rivela la sua storia nascosta nelle tavole d’argilla della Mesopotamia. Questo studio non solo offre una finestra sul passato, ma apre anche porte verso il futuro, dove la collaborazione tra archeologi e scienziati della Terra continuerà a svelare i segreti che la Terra stessa ha custodito per millenni. Un nuovo capitolo nella storia della Terra, scritto non solo con inchiostro, ma anche con il magnetismo che permea il nostro pianeta da tempi immemorabili.

di Universo7p

Loading...
universo7p
universo7phttps://www.universo7p.it/
Universo7p News su Misteri, mistero ufo, Anunnaki nibiru elohim, notizie Alieni e ufonews Misteri Ufologici Spazio, notizie sulla Scienza.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

News