Enormi tubi di plasma intorno alla Terra scoperti da una Studentessa australiana

0

Enormi tubi di plasma intorno alla Terra scoperti da una Studentessa australiana

“Il geomagnetism è lo studio del campo magnetico terrestre, sia della sua generazione e la sua variazione spaziale e temporale.
“Per la prima volta, astronomi possono visualizzare prova dell’esistenza di strutture tubolari plasma che si trovano nella magnetosfera circonda la Terra. Questo risultato diventa la prima prova visiva di questi tubi di plasma, che era stato teorizzato da oltre 60 anni, ma una studentessa di 23 anni dell’Università di Sidney, Cleo Loi, ha provato che il fenomeno esiste.
L’esistenza del plasma, uno degli stati della materia, è attualmente studiato da scienziati e geofisici per cercare di capire la sua origine e il comportamento in maggiore dettaglio. Fino ad ora si è capito che il plasma è stato causato da esplosioni dal sole, ma ora, stiamo studiando la presenza di plasma sulla Terra con il suo campo magnetico ha un rapporto speciale.

tubi di plasma sulla terra
Enormi tubi di plasma intorno alla Terra scoperti da una Studentessa australiana

 

La posizione di queste strutture di plasma che si verificano sul nostro pianeta sono circa 600 km. sopra la superficie terrestre, nella ionosfera superiore a “plasmasfera”. Vi è uno schema in cui le strisce di plasma ad alta densità ordinatamente strisce alternate di plasma a bassa densità. Questo modello si muove lentamente e allineare con le linee del campo magnetico della Terra.

L’intervista alla studentessa di 23 anni dell’Università di Sidney, Cleo Loi

“Abbiamo stimato che la loro posizione si trovi a 600 Km dal suolo, nella parte alta della ionosfera e che continuino nella plasmasfera. Questa è la zona in cui l’atmosfera terrestre termina e comincia la zona plasmatica dello spazio esterno.

 Cleo Lo

Abbiamo osservato un incredibile schema nel cielo dove strisce ad alta densità di plasma si alternano a strisce a bassa densità di plasma. Questo schema vaga lentamente e si allinea perfettamente con le linee del campo magnetico terrestre, come le aurore. 

Abbiamo realizzato che potremmo essere al corrente di qualcosa di grande.

Loi ha utilizzato un telescopio a distanza, il Murchison Widefield Array (MWA) per mappare il cielo in modo diverso. Grazie a 128 antenne sparse per oltre 9 chilometri quadrati nel deserto, gli astronomi hanno suddiviso le tessere del cielo ad Est da quelle ad Ovest, ottenendo la possibilità di vedere in 3D.

“E’ come mettere un telescopio all’interno di un paio di occhi e, attraverso questi, siamo riusciti a vedere la natura tridimensionale di queste strutture e abbiamo potuto osservarle mentre si muovevano. Siamo stati in grado di vedere le distanze tra loro, l’altezza dal suolo e il grado di inclinazione. Tutto questo prima non era possibile ed è una nuova, eccitante tecnica.”  

La scoperta non era stata presa in considerazione poiché sembrava che le immagini del telescopio presentassero delle imperfezioni, ma quando hanno visto per la prima volta i dati, i membri più anziani hanno creduto che fosse letteralmente “troppo bello per essere vero” e hanno pensato che dovesse esserci qualcosa che non stavano analizzando. Ma nei mesi successivi, Cleo li ha convinti che i dati sono reali e convincenti sul piano scientifico.”


 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

error: