mercoledì, Maggio 27, 2020
Home scienza Due teschi minacciano di cambiare la storia della nostra specie

Due teschi minacciano di cambiare la storia della nostra specie

L’analisi del DNA fatte a due teschi antichi cambieranno la storia dell’essere umano.

L’analisi del DNA fatte a due teschi ritrovati negli anni 60-70 in Grecia dimostrano che Risalgono a più di 200 mila anni fa. È la testimonianza più antica che abbiamo delle migrazioni dall’Africa

Una squadra di paleoantropologi ha rivisto i due teschi e li ha ricostruiti in tre dimensioni per analizzare la loro fisionomia in dettaglio. I risultati, pubblicati oggi su Nature , suggeriscono che il cranio più antico e incompleto ha 210.000 anni e proviene da un Homo sapiens e lo rende il membro più anziano della nostra specie mai trovato in Europa.

Due teschi minacciano di cambiare la storia della nostra specie

Neanderthal e Sapiens

Il cranio attribuito al Neanderthal (Apidima 2) dei due è il più ‘giovane’: e mostra caratteristiche riconducibili al più famoso dei nostri cugini appunto (soprattutto per quel che riguarda la conformazione delle ossa della fronte, del naso e della zona intorno agli occhi). L’altro cranio (Apidima 1) invece non presenta caratteristiche attribuibili alla stessa specie in nessuna fase dell’evoluzione. Somiglia piuttosto a un Sapiens, con quel profilo laterale del cranio arrotondato, tipico degli uomini moderni, seppur con tratti arcaici. Anche le analisi di datazione radiometrica, infatti, suggeriscono che sia il più vecchio tra i due: risale a 210 mila anni fa. Le prime tracce mai portate alla luce della nostra specie finora risalgono invece a più di 300 mila anni fa, in Marocco.

Il primo Sapiens in Eurasia e storia da riscrivere?

- Advertisement -

È probabile, azzardano i ricercatori, che Apidima 1 sia stato uno dei primi uomini moderni. Se così fosse, continuano gli esperti, saremmo di fronte alla più antica testimonianza di Sapiens in Eurasia. Il che significa che i nostri antenati uscirono dall’Africa prima di quanto creduto e quindi questo cancellerebbe gran parte della nostra storia.

Due teschi minacciano di cambiare la storia della nostra specie

I Neanderthal sarebbero arrivati solo dopo, per poi essere rimpiazziati da altre popolazioni più moderne di Sapiens. Quanto suggerito dallo studio non fa che avvalorare l’ipotesi secondo cui ci furono più eventi di dispersione dei nostri avi dall’Africa all’Eurasia, e che non tutti andarono a buon fine, con l’occupazione delle zona raggiunte, scrive Eric Delson della City University of New York e dell’American Museum of Natural History in un pezzo che accompagna il paper sullo stesso numero di Nature.


 

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Ultimi articoli

Russia: scoperta una presunta Piramide simile alla Grande Piramide d’Egitto

Un gruppo di turisti appassionati di spedizioni nel nord della Russia hanno presumibilmente scoperto un'enorme montagna con la forma esatta della...

La Cina punta Marte e i suoi misteri con una missione a luglio

La Cina verso Marte con una sonda che ha il compito di esplorare i Misteri di Marte Marte rimane un...

Enochiano: Il misterioso linguaggio perduto degli angeli

Il linguaggio perduto degli angeli chiamato ENOCHIANO Da secoli gli esseri umani hanno avuto diverse lingue parlate e scritte,...

Scoperte Misteriose stanze sotto al Muro del Pianto

Una sensazionale e misteriosa scoperta sotto il Muro del pianto di Gerusalemme Un gruppo di ricercatori che hanno effettuato degli...

Registrate Anomalie nel campo magnetico terrestre

Secondo gli scienziati il campo magnetico terrestre sta cambiando di intensità Le anomalie del campo magnetico terrestre rilevate dagli...

X-37B: Il misterioso aereo spaziale parte per una missione segreta

Il misterioso aereo spaziale dell'esercito americano X-37B è di nuovo in orbita , ma la sua missione non è dovuta a saperlo

L’uomo di Marree: Il misterioso gigante visibile dallo spazio.

L'Uomo di Marree: un mistero ancora da svelare A 20 anni dalla sua scoperta,L'Uomo di Marree continua ad essere...
error: