Come sfruttare l’energia dei buchi neri

0

Come potremmo sfruttare l’energia prodotta dai buchi neri?

La previsione della teoria della relatività generale di Einstein, che collega spazio, tempo e gravità, conferma che i buchi neri rotanti hanno enormi quantità di energia che potremmo sfruttare.

Negli ultimi 50 anni, gli scienziati hanno cercato di trovare modi per liberare questo potere. Il fisico Nobel Roger Penrose ha teorizzato che la disintegrazione di una particella potrebbe estrarre energia da un buco nero; Stephen Hawking propose che i buchi neri potrebbero rilasciare energia attraverso l’emissione meccanica quantistica; mentre Roger Blandford e Roman Znajek hanno suggerito la torsione elettromagnetica come principale agente di estrazione di energia.

Sfruttare l’energia dei buchi neri

Ora, in uno studio pubblicato sulla rivista Physical Review D , i fisici Luca Comisso della Columbia University e Felipe Asenjo dell’Universidad Adolfo Ibáñez in Cile, hanno trovato un nuovo modo per estrarre energia dai buchi neri separando e ricongiungendo le linee del campo magnetico vicino all’orizzonte degli eventi – il punto da cui niente, nemmeno la luce, può sfuggire all’attrazione gravitazionale del buco nero.

“I buchi neri sono comunemente circondati da una minestra calda di particelle di plasma che trasportano un campo magnetico“, ha detto Luca Comisso, ricercatore della Columbia University e primo autore dello studio. 

“La nostra teoria mostra che quando le linee del campo magnetico vengono scollegate e ricollegate, nel modo giusto, possono accelerare le particelle di plasma a energie negative e possono essere estratte grandi quantità di energia dal buco nero”.

“Questa scoperta potrebbe consentire agli astronomi di stimare meglio la rotazione dei buchi neri, aumentare le emissioni di energia provenienti dai buchi neri e potrebbe persino fornire una fonte di energia per le esigenze di una civiltà avanzata.

La Riconnessione

Comisso e Asenjo hanno basato la loro teoria in base alla riconnessione dei campi magnetici che accelera le particelle di plasma in due direzioni diverse.

Un flusso di plasma viene spinto contro la rotazione del buco nero, mentre l’altro viene spinto nella direzione della rotazione e può sfuggire alle grinfie del mostro, che rilascia energia se il plasma ingerito dal buco nero ha energia negativa.

sfruttare l'energia dei buchi neri- Un esempio di ricostruzione della teoria
sfruttare l’energia dei buchi neri- Un esempio di ricostruzione della teoria

“Può sembrare strano, ma può accadere in una regione chiamata ergosfera, dove il continuum spazio-temporale ruota così velocemente che ogni oggetto ruota nella stessa direzione del buco nero”.

All’interno dell’ergosfera, la riconnessione magnetica è così estrema che le particelle di plasma accelerano a velocità prossime alla velocità della luce.

“Stimiamo che il processo di energizzazione del plasma possa raggiungere un’efficienza del 150 percento, molto più alta di qualsiasi centrale elettrica operante sulla Terra”, ha detto Asenjo. “Il raggiungimento di un’efficienza superiore al 100% è possibile perché i buchi neri perdono energia, che viene fornita gratuitamente al plasma che fuoriesce dal buco nero”.

Anche se può sembrare fantascienza, l’estrazione di energia dai buchi neri potrebbe essere la risposta adatta al nostro futuro fabbisogno energetico.

Loading...
CopyAMP code
Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

error: