Canneto: indagato venticinquenne per gli incendi ”spontanei”

1

LA_STANZA_DA_LETTO_672-458_resize

Nel mistero di Canneto c’è un regista per gli incendi? o si cerca assolutamente di trovare un colpevole per dare una spiegazione al Mistero di Canneto?

A Canneto , nel Messinese  i fenomeni incendiari erano iniziati dieci anni fa ,molti hanno  parlato di esperimenti militari non controllati, altri di campi magnetici dovuti a particolari effetti meteo, qualcuno con più fantasia è perfino arrivato a ipotizzare interventi extraterrestri, ma gli incendi di Caronia potrebbero avere ora un colpevole in carne ed ossa, si tratterebbe di  Giuseppe Pezzino, 25 anni, figlio del presidente del comitato di cittadini Nino Pezzino. Nella loro abitazione si sono verificati diversi incendi nelle ultime settimane e in uno di questi padre e figlio sono rimasti leggermente ustionati . in una intervista Nino Pezzino alla domanda del giornalista che gli chiedeva: «C’è anche chi ha avuto il coraggio di ipotizzare che gli abitanti di Canneto di Caronia abbiano architettato una messa in scena per attirare l’attenzione» aveva risposto «Sì certo come no. Per mesi siamo stati al buio, il valore commerciale della casa è colato a picco e il risarcimento per i danni che abbiamo subito è arrivato, parziale, dopo tanto tempo».

Per un lungo periodo tutto sembrava essersi placato, ma improvvisamente da qualche mese erano ripresi di nuovo senza alcuna spiegazione. Non erano riusciti a scoprirne le cause nemmeno la Protezione civile e scienziati di vari centri di ricerca nazionali. I carabinieri però, sembrano aver trovato delle prove che incolperebbero un cittadino del posto almeno per gli incendi delle ultime settimane hanno anche effettuato 11 perquisizioni in abitazioni e veicoli alla ricerca di strumenti atti ad appiccare con rapidità il fuoco, dispositivi generatori di combustione.
Resteranno un mistero i roghi di Caronia, o erano soltanto incendi messi a segno da un piromane? Nei prossimi giorni i militari dell’Arma potrebbero spiegare ogni cosa soprattutto se dovessero essere confermate le accuse, le motivazioni che hanno spinto una persona a compiere dei gesti pericolosi che hanno messo a repentaglio la vita dei residenti e creato lo scompiglio del piccolo borgo nebroideo.

Molti sono convinti che si stia cercando di trovare un colpevole per insabbiare delle verita’ scomode , come ad esempio ”esperimenti militari non controllati” , nel frattempo anche il sindaco dice la sua.

IL SINDACO RISPONDE COSI : NON PUO’ ESSERE UN PIROMANE – «Non voglio credere che sia uno dei residenti ad essere il colpevole di alcuni roghi, spero che le indagini continuino e facciano chiarezza». A dirlo Calogero Beringheli, sindaco di Caronia dopo la notizia che un giovane di Caronia è indagato di essere l’autore di alcuni degli incendi avvenuti nella frazione di Canneto e per i quali non c’erano state ancora spiegazioni ufficiali. «Sono convinto – prosegue il primo cittadino che Pezzino dimostrerà la sua estraneità ai fatti, comunque io stesso con i miei occhi e insieme a rappresentanti di forze dell’ordine e giornalisti di alcune tv nazionali ho visto degli oggetti prendere fuoco dal nulla. Non penso che quelli possano essere stati ideati da qualcuno. A breve finalmente ci sarà un tavolo tecnico a Roma con studiosi e dirigenti e ministri, spero che si vada avanti per studiare questi fenomeni che ricordo si ripetono da diversi anni e non sono imputabili ad un piromane. Auspico che le istituzioni vadano avanti e studino con la giusta attenzione tutte le possibilità non facendosi influenzare da alcuni episodi».

Redazione Universo7p

Leggi anche

1 Commento
  1. Orazio dice

    Mi sembra elementare che ad un fatto inspiegabile, si attuino tali comportamenti.
    Del resto, anche la storia attuale… è piena di insabbiamenti.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

This website uses cookies to improve your experience. We'll assume you're ok with this, but you can opt-out if you wish. Accept

error: