Caccia alla vita extraterrestre: il Dna sopravvive nello Spazio le sonde “terrestri” possono contaminare l’universo

0

Il Dna e’ in grado di sopravvivere ad un viaggio nello spazio. Lo dimostrano le piccole molecole con le ‘istruzioni’ per la vita che sono state attaccate alla superficie esterna di un razzo sonda: dopo aver affrontato le condizioni estreme del lancio, del viaggio nello spazio e del rientro nell’atmosfera terrestre, sono state recuperate intatte e ancora funzionanti. I risultati di questo sorprendente esperimento, che imprime una svolta nella caccia alla vita extraterrestre, sono pubblicati su Plos One dai ricercatori dell’universita’ di Zurigo coordinati da Cora Thiel e Oliver Ullrich.

Siamo rimasti totalmente esterrefatti”, commentano i due autori della scoperta. In origine, infatti, i ricercatori avevano pensato di sfruttare il razzo della missione Texus-49 (lanciata nel marzo del 2011 dal centro Esrange dell’Agenzia spaziale europea a Kiruna, in Svezia) per mettere alla prova la resistenza in condizioni estreme delle cosiddette ‘biofirme’, ovvero ”le molecole che possono provare l’esistenza presente o passata di vita extraterrestre”. Per questo avevano attaccato molecole artificiali diDna sul razzo in corrispondenza di tre punti dello scudo esterno, che durante il volo protegge il veicolo da temperature che possono superare anche i 1.000 gradi. Al rientro del razzo nell’atmosfera terrestre, la sorpresa: ”non ci saremmo mai aspettati di recuperare cosi’ tanto Dna ancora intatto e funzionale”, affermano Thiel e Ullrich.

 

Tra le molecole ritrovate, addirittura il 35% era ancora in grado di espletare le proprie funzioni biologiche, trasferendo correttamente le informazioni genetiche una volta inserite all’interno di cellule coltivate in laboratorio. La scoperta apre scenari affascinanti per la ricerca di forme di vita extraterrestre, ma insinua anche pesanti dubbi sulle attuali missioni spaziali. Thiel e Ullrich si dicono infatti ”preoccupati” per il rischio concreto che sonde spaziali, lander e rover si trasformino in ‘untori’ capaci di contaminare con Dna terrestre altri pianeti.

di Peppe Caridi

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

error: