Antartico:Scoperto vulcano attivo, una violenta eruzione potrebbe avere varie implicazioni sull’ambiente

0

Qualche mese fa una serie di terremoti in profondità nell’ovest dell’Antartico hanno rivelato un vulcano attivo nascosto al di sotto dello spesso strato di ghiaccio. La scoperta, pubblicata su Nature Geoscience, ha confermato quelli che fino a qualche tempo fa erano solo sospetti, ossia attività vulcanica nascosta al di sotto dei ghiacciai dell’Antartico: a dire il vero sono numerosi i vulcani presenti lungo la costa e al largo, come ad esempio il Monte Erebus, ma quella dello scorso Novembre è stata la prima volta in cui è stato individuato del magma nella zona interna. Secondo gli esperti questo vulcano potrebbe esplodere e aggiungersi agli effetti del riscaldamento globale. L’attività vulcanica è staarticle-2625583-1DC03DC100000578-934_634x633ta scoperta a circa 30 miglia dal monte Sidley, il vulcano più alto dell’Antartide. Anche una violenta eruzione non potrebbe, con tutta probabilità, penetrare l’enorme massa di ghiaccio presente sopra la sua verticale (fino a 2 chilometri di spessore), ma il calore rilasciato potrebbe avere varie implicazioni sull’ambiente circostante. Parte del ghiaccio verrebbe comunque sciolto, andando a creare enormi quantità d’acqua che potrebbero fluire verso il mare e accelerare il tasso di scioglimento dei ghiacciai. Sotto l’Antartide, e in particolare sotto l’altopiano occidentale di Marie Byrd Land, esistono numerosi vulcani che potrebbero influenzare la stabilità della calotta antartica occidentale. Essa copre una superficie di 5,4 milioni di chilometri quadrati, pari al 98 per cento di tutto il continente. Ciò deve far comprendere quanto importante sia monitorare quest’area del globo. Anche se gli scienziati hanno suggerito che il ghiaccio marino intorno al continente è in aumento, il ghiaccio di terra sembra essere in diminuzione e l’area resta molto sensibile ai cambiamenti climatici. E’ ovviamente necessaria un’ulteriore ricerca, sia nel senso di mappatura che di monitoraggio del livello di attività del vulcano subglaciale, come anche lo studio dell’impatto dell’attività vulcanica sul sistema idrogeologico, ma la strada intrapresa è certamente quella corretta.

 

article-2625583-1DC0AEF700000578-837_634x434

fonte

Leggi anche

Loading...

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

This website uses cookies to improve your experience. We'll assume you're ok with this, but you can opt-out if you wish. Accept

error: