Tom Campbell: Coscienza, come la mente altera la realtà

Tom Campbell: Coscienza, come la mente altera la realtà

Secondo Campbell, l’universo fisico è generato da una simulazione basata sulla probabilità, ovvero non basata sulla materia.

Per il ricercatore della coscienza, Tom Campbell, il nostro mondo non è come appare. Piuttosto che un ambiente concreto ed oggettivo, Campbell sostiene che il mondo sia in verità una “realtà virtuale” e una simulazione, molto piu’ simile ad un video game.

Sentiamo spesso dire che le cose “non sono come appaiono”, giusto? Bene per molti fisici la risposta si è giusto fatta piu’ chiara.

TUTTA LA REALTÀ SI BASA SULLA COSCIENZA

Campbell si batte per parlare delle molte domande senza risposta, attualmente presenti nella scienza e per esplorare il nostro scopo e collegamento ad una realtà piu’ grande, che chiamiamo “Il grande quadro”

Secondo Campbell, l’universo fisico è generato da una simulazione basata sulla probabilità, ovvero non basata sulla materia. Di fatto Campbell sostiene che ci sono multiple cornici di Realtà Virtuale, in cui noi esistiamo simultaneamente.

Leggi anche  La Coscienza è il tessuto della realtà – Fisici affermano l’unità di tutte le cose

E questo concetto, che Campbell chiama il cambio del paradigma, sta conquistandosi accettazione nell’area della fisica digitale e della fisica quantistica

Anche se risuona come un eco di antiche credenze proposte dai mistici, dai saggi e dagli shamani,  Tom Campbell dice che la sua teoria puo’ essere scientificamente verificata con degli esperimenti.

Il nuovo paradigma di Campbell contempla esperienze paranormali, inclusa laprecognizione, l’esperienza fuori dal corpo, i viaggi nel tempo e le esperienze pre-morte, che possono essere percepite come normali.

Dato che la nostra coscienza è già fuori dal corpo, non abbiamo bisogno di uscire dal corpo , ma di entrare nella nostra coscienza, fa notare Campbell.

COOPERAZIONE, PASSIONE E AMORE SONO NECESSARIE PER LA EVOLUZIONE

Gli esperimenti di meccanica quantistica suggeriscono che viviamo in una realtà calcolata e la nostra coscienza è il computer. “Ad un certo punto” dice Campbell, “la coscienza è diventata auto consapevole.”

Ma se la tua comprensione resta frammentata da credi limitanti, anche la nostra realtà lo sarà.

Le persone vogliono che il mondo si basi su fatti e che il materialismo sia la giusta teoria della esistenza, sostiene Campbell.

Ma dice che questa visione potrebbe essere temporanea: il materialismo sarebbe una fase che le persone stanno semplicemente attraversando

In realtà, il vero punto è che la nostra esistenza, dice Campbell, è amore. Il suo credo è che la realtà è un sistema di allenamento – o un allenatore-  il cui scopo è di aiutarci a crescere e trasformarci in amore. Siamo qui per diventare amore”

traduzione: Cristina Bassi

COPIA SNIPPET DI CODICE

Leggi anche

Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: