NASCE LA SPINA DORSALE BIONICA, CHE DA UNA NUOVA SPERANZA AI PAZIENTI PARALIZZATI

L’idea è quella di creare una spina dorsale artificiale e bionica per permettere a pazienti paralizzati di ritornare a camminare e muoversi.

Il meccanismo “bionico” sarebbe molto meno invasivo di quanto non si pensi, perché verrebbe impiantato un piccolo congegno vicino al cervello in grado di interagire con l’attività cerebrale e convertire gli stimoli di movimento in effettivi gesti o atti, compiuti anche grazie al supporto esterno di protesi, anch’esse bioniche. Pazienti paralizzati da ferite o malattie hanno una speranza di tornare a camminare grazie a una rivoluzionaria ‘spina dorsale bionica’ sviluppata da scienziati australiani. Il piccolo congegno detto stentrode, lungo 3 cm con un diametro di pochi millimetri, può essere impiantato in un vaso sanguigno vicino al cervello e funziona registrando l’attività cerebrale e convertendo i segnali in comandi.

1455040677_56ba2b6f7c539-624x350

Sperimentazioni su pecore hanno dimostrato che il congegno, soprannominato spina dorsale bionica, può controllare arti bionici. Lo stent ha emesso segnali per i 190 giorni della sperimentazione, e il segnale si è rafforzato quando si è formato e consolidato il tessuto attorno allo stent. Il congegno e la procedura di impianto sono stati sviluppati da una squadra di 39 neurologi e ingegneri biomedici del Royal Melbourne Hospital, dell’University of Melbourne e del Florey Institute of Neuroscience and Mental Health, e sono descritti sull’ultimo numero di Nature Biotechnology.

Unbenannt spina

Gli scienziati intendono sperimentare il congegno su pazienti del Royal Melbourne Hospital con paralisi degli arti inferiori.

In una procedura di circa due ore, i medici praticheranno un piccolo taglio nel collo del paziente per inserire un catetere contenente lo Stentrode per poi disporlo sopra la corteccia cerebrale, la parte da cui partono gli impulsi nervosi che attivano i movimenti dei muscoli volontari. Il catetere viene poi rimosso. Lo stent è dotato all’esterno di elettrodi che individuano i segnali della corteccia cerebrale e li trasmettono a un piccolo congegno impiantato nella spalla del paziente. Altri congegni sono stati provati in passato ma richiedono chirurgia invasiva detta craniotomia, la rimozione in un tassello di cranio, con rischi di infezioni e complicazioni. La ricerca è stata in parte finanziata dall’esercito Usa per i reduci feriti sul campo.

COPIA SNIPPET DI CODICE

Leggi anche

Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: